Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Corny Van Zyl saluta i Leoni dopo aver passato a Treviso le ultime otto stagioni

IL BENETTON STECCA L'ULTIMA: GLI SCARLETS LA SPUNTANO 13-17

La sconfitta delle Zebre dà ai biancoverdi l'accesso alla Champions Cup


TREVISO - Sconfitta di rimonta e con beffa per l'ingenuità di una meta fallita ad inizio ripresa, dopo un ottimo primo tempo per il Benetton Treviso.
L'incontro si apre con alcuni minuti di applausi per Corniel Van Zyl, che esce davanti alle squadre per salutare la sua ultima apparizione in biancoverde, prima del ritorno in Sud Africa. I primi minuti sono di studio e l'azione più pericolosa la creano i Leoni al 12' con un break sull'asse Luca Morisi-Andrea Pratichetti con riciclo interno su Henry Seniloli. Azione che sfuma per mani in ruck da parte degli Scarlets e si va per la rimessa.
Palla conquistata e maul impostata che avanza e porta oltre in bandierina Davide Giazzon per la prima meta di giornata.
Al 18', incredibile occasione per Mat Luamanu che trova il varco giusto dove inserirsi, correre, calciare a seguire e recuperare palla, ma viene placcato a pochi centimetri dalla linea, perdendo anche palla in avanti. Dalla mischia successiva, buona la spinta biancoverde e Francesco Minto evidenzia il tenuto di Barclay. Jayden Hayward aumenta di tre la distanza con il piazzato conseguente. 
Gli Scarlets si fanno vedere attorno al 25' con un pallone recuperato e giocato subito al largo in superiorità. Salva tutto con un placcaggio ruvido Simone Ragusi. I gallesi tornano comunque a metà campo con tre punti sul tabellino con un piazzato di Priestland.
Spettacolo puro da parte di Jayden Hayward al 30'. Dopo un buon loop di Henry Seniloli, Luca Morisi gioca al largo con Simone Ragusi, ma la palla viene recuperata dai giallorossi. Gli ospiti impostano l'attacco trovando il varco con la maggior velocità su Antonio Pavanello e Corniel Van Zyl. Sembra crearsi un'azione molto pericolosa, ma l'estremo del Benetton la legge perfettamente e si inserisce con un intercetto da manuale, correndo di taglio verso la bandierina e arrestando la corsa solo per lasciare sul posto l'estremo Liam Williams. Meta da standing ovation di Monigo.
La prima frazione si chiude così sul 13-3.
Incredibile. Non trova altro aggettivo quanto succede al 5' della ripresa. Angelo Esposito subentrato ad Enrico Bacchin inventa un break fantastico e ricicla all'interno su Mat Luamanu. Da questi ad Henry Seniloli che vola verso la meta, ma a pochi centimetri si ferma, cercando di rientrare e viene placcato da Scott Williams che lo ferma e gli fa anche perdere palla.
Gli Scarlets possono così tornare in partita e lo fanno con meta e trasformazione dei giocatori più importanti: Liam Williams e Priestland. E a 9' dalla fine, gli Scarlets vanno addirittura in vantaggio, sfruttando il sovrannumero al largo e schiacciando in bandierina con Steff Evans. Priestland trasforma per il 13-17 finale. 
 
MARCATORI: pt 13' Giazzon meta; 20' Hayward p.; 26' Priestland p.; 30' Hayward meta; st 23' L. Williams meta tr. Priestland; 31' S. Evans meta tr. Priestland.
BENETTON TREVISO: Hayward; Pratichetti , Morisi, Bacchin (st 1' Esposito), Ragusi; Christie, Seniloli; Luamanu, Minto, Derbyshire (st 36' Cattina); Van Zyl (st 15' Swanepoel), Pavanello (st 8' Fuser); Harden (st 18' Manu, st 29' Harden), Giazzon (st 24' Anae), Zanusso (st 32' Acosta). A disp.: Ambrosini. All. Casellato.
SCARLETS: L. Williams; Warren, Parkes, S. Williams, S. Evans; Priestland (st 38' D. Jones), G. Davies (st 25' R. Williams); Barclay, J. Davies, A. Shingler (st 26' Pitman); Rawlins, Ball (st 38' Earle); Edwards (st 8' W. Jones), Owens, R. Evans (st 21' John). A disp.: Elias, S. Shingler. All. Pivac.
ARBITRO: George Clancy della Federazione Irlandese.
NOTE: pt 13-3; spettatori: 3895; Guinness PRO12 man of the match: Corniel Van Zyl (Benetton Treviso); calciatori: Benetton Treviso 1/3 (Hayward 1/3), Scarlets 3/3 (Priestland 3/3); punti in classifica: Benetton Treviso 1, Scarlets 4.