Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Comunicazione dell'istituto dopo il ribasso del valore del titolo

VENETO BANCA CHIEDE AI SOCI DI CONFERMARE LA VENDITA DELLE AZIONI

L'Associazione azionisti: "Seve solo per non perdere la priorità"


MONTEBELLUNA - Veneto Banca in questi giorni ha inviato ai soci una comunicazione in cui chiede di confermare la volontà di vendere le proprie azioni. Come spiegato nel testo stesso della missiva, si tratta di un atto conseguente al ribasso del valore del titolo, approvato nell'ultima assemblea. Qualche socio, tuttavia, potrebbe aver letto l'iniziativa come un via libera alla vendita. L'Associazione azionisti di Veneto Banca, presieduta da Giovanni Schiavon, però, avverte di non cadere in false aspettative: "La circolare è rivolta a quegli azionisti che avevano chiesto di liquidare il loro pacchetto azionario quando il titolo era ancora valutato 39,50 euro, cioè prima dell’ultima assemblea e che, per i noti motivi, non hanno potuto ottenere l’accoglimento della loro richiesta - sottolineano i vertici dell'associazione -. Poichè ora il valore del titolo è sceso a 30,50 euro e la banca sta pensando di attivare un sistema con cui avviare la fase della “liquidazione”, essa intende capire, attraverso il questionario, se gli azionisti che avevano fatto domanda di vendita (ma al prezzo di 39,50 euro, cioè prima del 18 aprile, siano ancora interessati a cedere il pacchetto azionario".
Una risposta affermativa, peraltro, non significa liquidare definitivamente le proprie quote: "La conferma della volontà di vendere serve solo per non perdere la priorità (acquisita in virtù della prima domanda, rimasta inevasa), ma non vincola l’azionista; nel senso che egli, qualora dovesse cambiare idea prima della vendita stessa (che – si ripete –ancora non si sa come avverrà), non ne resterebbe vincolato e potrebbe pur sempre rinunciarvi".