Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Susegana, smascherato dalle indagini dei carabinieri, 55enne dell'est in cella

DIPENDENTE INFEDELE: DERUBAVA LA DITTA PER CUI LAVORAVA

Fatti sparire 350 kg di metalli vari tra cui rame, acciaio e ottone


SUSEGANA - Rubava rame, acciaio e ottone alla ditta per cui lavorava ma è stato incastrato dalle indagini dei carabinieri. Ad essere arrestato un 55enne originario dell'Est Europa, ormai ex dipendente di una ditta di Susegana specializzata in produzioni di macchine ed utensili industriali. L'uomo ha trafugato nel tempo circa 350 kg di metalli vari utilizzando questa tecnica: arrivava sul posto di lavoro prima dei colleghi e attendeva al termine del turno che gli altri lavoratori si allontanassero; poi riempiva alcune borse con il materiale, destinato poi ad essere rivenduto. A denunciare ai carabinieri i strani ammanchi era stata l'azienda stessa che ha così dato il via all'indagine. L’uomo, residente a Conegliano, ora dovrà rispondere di furto ai danni del suo datore di lavoro e, per il momento, è stato messo agli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rituale processo. Buona parte del materiale è stata successivamente ritrovata presso la sua abitazione e, dopo il riconoscimento da parte del proprietario, è stato restituito.