Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Coinvolti imprenditori di Treviso, Padova, Vicenza, Pordenone, Udine e Mantova

MAXI EVASIONE DA 27 MILIONI, FAVERO AMMETTE LE SUE RESPONSABILITÀ

Fatture false nelle sponsorizzazioni, gli indagati sono 101


SERNAGLIA - Fatture false per sponsorizzazioni sulle vetture da rally, tracciati di gara e riviste specializzate. Sono chiuse le indagini, coordinate dal pm Giovanni Valmassoi, riguardanti la maxi-evasione da 27 milioni di euro che ha visto coinvolto il 65enne Gabriele Favero, il presidente del Motoring club di Sernaglia della Battaglia. L'ex imprenditore del mobile è stato interrogato più volte dal magistrato ed ha ammesso tutte le sue responsabilità, collaborando nelle indagini. Nel registro degli indagati figurano attualmente 101 persone che devono rispondere di utilizzo di fatture false e dichiarazione fraudolenta. La maggior parte sono imprenditori delle province di Treviso, Padova, Vicenza, Pordenone, Udine e Mantova: ognuno sarà processato dai tribunali territorialmente competenti. Tutti rischiano una condanna ad una pena di 6 mesi di reclusione. Per venti dei coinvolti che avrebbero collaborato con Favero tra il 2006 ed il 2008 si va invece verso l'archiviazione.