Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Primo appuntamento sabato 23, dalle 18, a Giavera dal Montello

LA MUSICA CELEBRA TUTTE LE VITTIME DELLA GRANDE GUERRA

Il Prosecco Classic Festival nei luoghi del primo conflitto mondiale


GIAVERA DEL MONTELLO - Prenderà avvio sabato 23 maggio da Giavera del Montello l'edizione 2015 del Prosecco Classic Festival.
Data e luogo frutto di una scelta ponderata: nel centenario della prima Guerra Modiale, infatti, la giovane rassegna di musica classica ideata e promossa dall'Associazione culturale 'Veneto Uno', non poteva esimersi da un impegno per ricordare tutte le vittime di quel terribile periodo, al di là della nazionalità e della divisa indossata.
Si partirà dunque proprio in occasione dell'anniversario dell'entrata nel conflitto dell'Italia e dal un luogo di alto valore simbolico, come il cimitero di guerra britannico di Giavera del Montello. Proprio la visita di questo monumento ha ispirato l'iniziativa: il leggere i nomi di tanti giovani in netta prevalenza tra i 18 e i 30 anni, morti onorando la lor bandiera, ha suscitato l'idea di fare qualcosa per ricordarli. Una riflessione che si inserisce perfettamente nella filosofia della manifestazione, secondo cui, la cultura deve servire a non dimenticare il sacrificio di tante persone e ribadire il valore della pace e della fratellanza.

A partire dalle 18, nella chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo, i Solisti di Radio Veneto Uno, diretti dal maestro Giorgio Sini, eseguiranno brani di Antonio Vivaldi e Alessandro Marcello. Gli organizzatori hanno interessato il Console onorario della Gran Bretagna di Venezia il Dott. Ivor Coward, giusto per renderlo partecipe. Con viva sorpresa è arrivato il patrocinio direttamente dall'Ambasciata Britannica a Roma, missiva siglata in prima persona dall'Ambasciatore, il dottor Christopher Prentice. Con un motivo di soddisfazione ancor maggiore: l'Ambasciatore ha sottolineato la volontà di commemorare sia i militari britannici, sia le vittime civili di Giavera, cogliendo appieno lo spirito dell'evento.

La prossima tappa del festival è in programma a Bruxelles: con due concerti (organizzati grazie alla collaborazione dell'europarlamentare David Borrelli); uno nella sede del Parlamento Europeo, in occasione dell'inaugurazione della mostra fotografica sulla Grande Guerra, curata dall'Accademia di Brera il 16 giugno, l'altro, il giorno successivo, all'ambasciata italiana presso l'Unione europea.

La rassegna dei concerti del Prosecco Classic Festival continuerà poi a fine giugno a Pederobba, per onorare i Caduti del Sacrario Militare Francese lungo la Feltrina (unico memoriale del genere nel nostro paese) e, idealmente, i 4.400 soldati italiani, morti sul fronte occidentale, le cui spoglie riposano nel monumento gemello di Bligny, vicino a Verdun.

A luglio, tutti i venerdì, si svolgeranno “I concerti in S. Vigilio” presso l'omonima chiesetta di Col S. Martino, mentre ad agosto appuntamento con l'oramai tradizionale rassegna in quota, a Pianezze di Valdobbiadene.
Tutti i concerti sono ad ingresso libero.