Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Terziario ed servizi unici settori ad aumentare gli addetti

BOOM DISOCCUPAZIONE GIOVANILE NELLA MARCA: DUE UNDER 29 SU 10 SENZA LAVORO

Il tasso di senza impiego cresciuto di 5 punti dal 2013


TREVISO - La disoccupazione peggiora ancora, anche nella Marca, soprattutto per i giovani. A fine 2014, in provincia di Treviso sono senza lavoro il 18,5% dei residenti tra i 15 e i 29 anni: cinque punti percentuali in più dell'anno precedente. In aumento anche il tasso di disoccupazione generale, passato dal 7,3 all'8,3% in dodici mesi.
A scattare la fotografia è l'analisi di consuntivo effettuata da Camera di commercio e Istat. Dall'inizio della crisi, alla metà del 2008 nel Trevigiao sono stati persi olttre 31.500 posti di lavoro dipendente: la fetta maggiore, 25mila, è sparita nel manifatturiere, in particolare nel "made in Italy" (14.400) e nel metalmeccanico (7.800). Unici bilanci in positivo, quelli del terziario (più 2.270 lavoratori) e delle "utilities", ovvero le imprese che operano nel campo di energia, acqua, gas, con un incremento di 485 unità. Nella Marca le forze lavoro ammontano a 412mila persone, di cui 377mila occupati e altri 34mila in cerca di impiego. Anche nel mercato del lavoro trevigiano, peraltro, si conferma la tendenza alla crescita dei rapporti non fissi: se i nuovi contratti a tempo indeterminato sono rimasti sostanzialmente invariati (12.700 a fronte dei 12.500 del 2013), aumentano le assunzioni a tempo determinato (passate da 49mila a 53.500) e quelle in somministrazione (da 26.500 a 28.800), oltre agli apprendistati (da 4.200 a 4.850). Nel corso del 2014 sono state 527 le aziende ad aprire ufficialmente uno stato di crisi, 75 in più dell'anno prima, benchè sia stato coinvolto un numero totale di lavoratori inferiore: 7.927 contro 9.078 del 2013. Diminuite del 21% anche le ore di cassa integrazione autorizzate.