Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, per 100-150 euro prestavano servizio ai rivenditori di mezzi della Marca

CONTACHILOMETRI ABBASSATI SULLE AUTO USATE: 8 INDAGATI

Nel mirino della polizia stradale gli specialisti del "taroccamento"


TREVISO - Si allarga l'indagine della polizia stradale di Treviso sulle auto usate a cui i venditori abbassavano il chilometraggio per gonfiarne il prezzo. Alle 22 persone già denunciate per frode in commercio, titolari e dipendenti di 15 ditte della provincia impegnate nella compravendita di vetture usate, tutte cedute da società di leasing, se ne aggiungono altre 8, tutti trevigiani tra i 30 ed i 50 anni. Si tratta dei “taroccatori” veri e propri, addetti all'abbassamento dei contachilometri delle vetture da mettere in vendita: quattro si erano suddivisi altrettante aree della provincia e servivano i rivenditori delle rispettive zone di competenza, altrettanti erano “battitori liberi”. Ben sei tra loro sono titolari o lavorano in aziende del settore auto. Il costo del taroccamento variava, hanno accertato gli investigatori, tra i 100 ed i 150 euro: l'alterazione riguardava il solo contachilometri e non la centralina che registrava invece il vero chilometraggio percorso dalle auto. Anche per questi otto nuovi indagati la denuncia di cui dovranno rispondere è frode e tentata frode in commercio.