Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I Carabinieri di Oderzo lo hanno rintracciato al pronto soccorso di Oderzo

ARRESTATO OPITERGINO LATITANTE DA DUE ANNI

Condannato per una serie di furti in casa avvenuti nel 2010


ODERZO - Dopo due anni di latitanza, è stato arrestato ieri al pronto soccorso di Oderzo, Orlando Terenz, giostraio 25enne, originario del luogo. Il giovane, che si era recato in ospedale per una frattura alla tibia, aveva fatto perdere le sue tracce dal 2013 quando era scattata la condanna a 2 anni, 2 mesi e 18 giorni per una serie di furti in abitazione commessi in concorso tra le province di Treviso, Venezia, Pordenone e Rovigo.
L'arresto da parte dei carabinieri della tenenza di Oderzo avviene a seguito di un intensificarsi delle indagini. Grazie a una continuata attività informativa sul luogo, i militari erano venuti a venuti a conoscenza, nell'ultimo mese, dei problemi di salute del latitante; forte, quindi, il sospetto che il 25enne sarebbe rientrato a oderzo per cercare appoggio da famigliari o amici. I reati contestati risalivano al 2010. Prima della condanna, del 2011, Terenz aveva scontato un periodo agli arresti domiciliari a scopo cautelare e quindi era stato rimesso in libertà in attesa della sentenza, la cui esecuzione era stata sospesa e ripresa d'efficiacia nel 2013. Periodo in cui Terenz era riuscito a dileguarsi.
Ora il giovane è agli arresti nel carcere di Treviso. Le indagini dei carabinieri proseguono per capire chi in questi anni abbia coperto la sua latitanza.
Parla il tenente Diego Tanzi, comandante della tenenza di Oderzo.