Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Botto di mercato del Benetton Rugby che ha ingaggiato una autentica stella

ECCO L'EREDE DI VAN ZYL: ╚ TOM PALMER, SECONDA LINEA INGLESE

Arriva dal Gloucester, ha giocato anche nei Wasps e in Francia


TREVISO - Il Benetton Rugby ha trovato l'erede di Corny Van Zyl: si tratta del seconda linea Thomas Phillip Palmer, meglio conosciuto nel modo ovale semplicemente con il diminutivo di Tom. Alto 200 cm per 118 kg di peso, è nato ad Harringay, vicino a Londra, il 27 marzo 1979 e proviene dalla formazione inglese di Gloucester. La sua carriera, personale e come atleta, è costellata da avventure come autentico giramondo. Ha iniziato con il mini rugby a 5 anni nel Barnet, ma la famiglia si trasferì poi in Kenya, per far ritorno successivamente in Scozia. Ha così giocato con Boroughmuir High School a livello scolastico e con il Boroughmuir RFC nelle giovanili, conquistandosi un posto nel team dell'Università di Leeds, dove ha studiato fisica, e nelle Nazionali Under 19 e 21 della Scozia. Una pausa di un anno e mezzo con trasferimento in Nuova Zelanda, dove ha giocato con la maglia della formazione scolastica di Otago, ma anche con quella studentesca della rappresentativa nazionale e poi il rientro in Inghilterra. A Leeds inizia ad indossare la maglia dei Tykes in pianta stabile dal 1997 fino al 2006, quando dopo la retrocessione del club, passa ai London Wasps. Con la formazione dello Yorkshire aveva in precedenza battuto quasi ogni record: capitano più giovane, secondo per numero di presenze (190, con 105 punti all'attivo), primo giocatore internazionale, vincitore della coppa anglo-gallese nel 2005. Nonostante giocasse in National Division One, si è conquistato nel 2001 la chiamata con gli England Saxons e successivamente con la Nazionale Maggiore per il tour negli Stati Uniti nell'estate dello stesso anno. Il 16 giugno 2001 è entrato negli ultimi 10' contro gli Usa a San Francisco al posto di Steve Borthwick, conquistando il primo di 42 caps con l'Inghilterra, conditi da diverse partecipazioni al torneo Sei Nazioni e dalla presenza stabile alla Coppa del Mondo 2011 in Nuova Zelanda. Dopo l'esperienza a Londra con i Wasps, nel 2009 lascia l'Inghilterra per la Francia ed indossa la maglia dello Stade Francais per alcune stagioni, prima di rientrare con le "vespe" nel 2012. Nell'ultima stagione, è approdato a Gloucester, collezionando un totale di 21 presenze. Il suo arrivo a Treviso è stato definito nei giorni scorsi e va a potenziare il reparto di seconda linea, con tutta l'esperienza apportata da un giocatore internazionale del calibro di Palmer.