Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ragazzina telefona all'amico e gli dice di chiamare i carabinieri

"MI HANNO VIOLENTATA" 15ENNE RISCHIA DENUNCIA PER PROCURATO ALLARME

L'episodio in mattinata prima delle 8 a Castelfranco


CASTELFRANCO - Rischia una deduncia per procurato allarme una ragazzina di 15 anni del trevigiano che studia a Castelfranco Veneto. “Sono qui nella stazione dei pullman vicino alle scuole, mi hanno violentata, chiama i carabinieri” avrebbe detto al telefono a un amico conosciuto qualche settimana. La chiamata alle 8 meno 10, poco prima dell'inizio della scuola. Allarmato, avverte i carabinieri e si reca lui stesso alla stazione ma non la trova. Dopo un quarto d'ora la ragazzina lo richiama per confessare la trovata, senza probabilmente accorgersi di essersi spinta ben oltre lo scherzo, ossia nel reato, appunto, di procurato allarme.