Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Boom di pubblico per Emanuele Severino e gli altri relatori della prima giornata

FINANZA, AMBIENTE, VALORI: LA FILOSOFIA INTERROGA IL PRESENTE

Si chiude oggi il festival sul pensiero contemporaneo di Treviso


TREVISO - Dalla finanza allo sviluppo sostenibile, dalla decrescita al crollo di valori. E' incentrata su strette connessioni con l'attualità la seconda ed ultima giornata di “Pensare il presente”, festival filosofico della città di Treviso
Anche domenica, ricco il programma di relatori e temi. Massimo Donà, apprezzato studioso di estetica e filosofia dell'arte, sarà protagonista di una conferenza sul pensiero di Leopardi e il problema attuale del nichilismo e il crollo dei valori. Marcello Ghilardi, studioso di filosofia orientale, invece, si dedicherà della saggezza come strumento per una vita felice, secondo la tradizione Buddhista e Daoista. Nel pomeriggio il Festival si trasferirà nell'aula magna dell'Istituto Riccati per un incontro con Andrea Baranes, autore di Finanza per indignati. Si discuterà quindi della crisi economica, delle sue cause e delle possibili soluzioni per uscirne. Gianni Tamino, docente di biologia all'Università di Padova, si interrogherà, infine, sul rapporto tra uomo e natura, affrontando i problemi ambientali generati dallo sviluppo e illustrando la proposta della decrescita come nuovo stile di vita.
Il Festival si chiuderà, alle 19, all'Associazione musicale Manzato, con Pensare il suono, una performance che intreccerà riflessioni sull'estetica e improvvisazioni musicali, con la partecipazione di Daniele Goldoni e l'ensamble Elettrofoscari, accompagnati da Attilio Pisarri e gli allievi del Manzato.
Nella giornata inaugurale, grande successo di pubblico (con diverse persone costrette a rimanere fuori dalla sala per esaurimento dei posti) per i dibatti con Luigi Vero Tarca, docente di Filosofia teoretica all’Università Ca’ Foscari di Venezia e curatore scientifico del Festival, Enrico Berti, già docente di Storia della filosofia all’Università di Padova e tra i più apprezzati studiosi di Aristotele in Italia, e Emanuele Severino, docente di Filosofia teoretica all’Università San Raffaele ed uno dei pensatori di punta della filosofia italiana. Così come molti studenti e semplici appassionati hanno assistito alle conferenze di Franca D’Agostini, tra le maggiori esperte di logica e filosofia contemporanea, sul rapporto tra politica e menzogna, e di Lorella Zanardo, nota giornalista e autrice del documentario Il corpo delle donne, sull’uso e l’abuso dell’immagine femminile nei media. Nel portare i saluti dell'amministrazione, l'assessore alla Cultura, Luciano Franchin ha espresso l'auspicio che la rassegna possa diventare un appuntamento fisso del calendario di eventi trevigiani.