Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Roncade, Emanuele Lucatello denunciato per bancarotta, buco da 12 milioni di euro

SOLDI DALLA REGIONE FRIULI PER IL TRASLOCO TRUFFA, POI IL CRACK

Sequestrati beni per 1,5 milioni, indagine della GdF di Pordenone


TREVISO - Hanno ottenuto indebitamente finanziamenti dalla regione Friuli per la creazione di un nuovo insediamenti produttivo a Maniago, per creare posti di lavoro e aumentare la produzione. Peccato però che l'azienda in questione, oltre a non assumere nessun operaio, sia nel frattempo fallita, incassando il denaro dei contributi alle imprese. Per questo motivo il nucleo di polizia tributaria di Pordenone, al termine di una luga indagine, ha denunciato il rappresentante legale di una società trevigiana, Emanuele Lucatello, 42enne di Roncade e due consulenti d'azienda. La truffa messa a segno ai danni della finanziaria regionale Friulia spa ammonta a circa 1,5 milioni di euro. Con la complicità di due collaboratori l'imprenditore aveva indotto Friulia a sottoscrivere 600 mila euro di azioni di nuova emissione: si sono serviti di un falso business plan relativo al trasferimento dal Veneto a Pordenone della sede operativa della società, specializzata nella fabbricazione di strutture lamellari in legno.

L'imprenditore aveva inoltre operato per aumentare il capitale sociale da 90 mila a 1,9 milioni di euro, di cui 800 mila mediante il conferimento di un brevetto industriale, 420 mila versati da una società edile amministrata dallo stesso rappresentante legale e 80 mila di tasca propria. Altri due finanziamenti di Friulia Spa, di 545 mila e 330 mila euro, avevano fatto seguito a quello di 600 mila euro relativo all'aumento di capitale. I finanzieri hanno scoperto che l'unico apporto di capitale era dovuto agli 1,5 milioni di euro erogati da Friulia, in quanto il brevetto non aveva valore economico, il finanziamento di 420 mila euro era stato subito retrocesso alla società erogante e gli 80 mila euro personali erano stati compensati con imprecisi crediti.

La Guardia di Finanza ha inoltre stabilito che le fidejussioni rilasciata a garanzie del finanziamento erano state rilasciate dalla stessa società edile sottoscrittrice dell'aumento di capitale, già in grave stato di insolvenza. Ulteriori accertamenti hanno portato infine alla scoperta di una frode fiscale di quasi due milioni di euro in capo alla società trevigiana e alla denuncia del legale rappresentante per bancarotta. A seguito delle violazioni accertate, è stato disposto dal gip, su richiesta della Procura di Pordenone, il sequestro a carico del legale rappresentante dell'impresa di conti correnti, fabbricati e altri beni mobili per circa 1,5 milioni di euro, pari alle somme illecitamente ottenute dalla Regione Friuli.