Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tre anni ciascuno a tre serbi: Ivan Markovic, Dorde Bolicevic e Aleksandar Mijajlovic

COLPO DA 100 MILA EURO ALLO STOCK FASHION: 9 ANNI ALLA BANDA

In cinque giorni avevano colpito anche a Rovigo e a Padova


PREGANZIOL – (gp) Professionisti nello svuotare i magazzini dei negozi d'abbigliamento, se la sono cavata con una pena di tre anni a testa. Sotto accusa per furto aggravato erano finiti tre cittadini serbi: Ivan Markovic, 35 anni, Dorde Bolicevic, 32 anni, e Aleksandar Mijajlovic, 31 anni. Tutti difesi dall'avvocato Mauro Serpico, erano chiamati a rispondere di due colpi e uno tentato messi a segno rispettivamente a Padova, Rovigo e Treviso.

Proprio nella Marca (questo il motivo per cui il processo è stato celebrato a Treviso) era stato messo a segno il primo furto. Era il 15 dicembre dello scorso anno quando i tre, dopo aver rubato le targhe a un'autovettura nel veneziano e averle poste sul loro furgone, hanno abbattuto una delle vetrate del negozio “Stock Fashion” a Frescada di Preganziol, lungo il Terraglio. Un raid fulmineo in cui si erano impossessati di 360 giubbotti di varie marche, per un valore complessivo di 100 mila euro, prima di darsi alla fuga senza lasciare tracce.

La stessa notte, a Trebaseleghe, avevano tentato di razziare un secondo negozio che avevano già adocchiato precedentemente. Messe fuori uso le telecamere di videosorveglianza, si erano introdotti all'Outlet Industries. Il colpo era fallito perchè in zona si erano accorti del passaggio di alcune auto della Polizia messe sulle tracce del loro furgone.

L'ultimo colpo, quello fatale alla banda, era stato messo a segno il 15 dicembre all'esercizio commerciale “Tentazioni” di Rovigo. Dopo aver forzato la porta d'ingresso, avevano caricato nel furgone capi d'abbigliamento e biancheria intima per un valore complessivo di 150 mila euro. Dopo quel furto le forze dell'ordine erano riuscite a rintracciare gli autori e a bloccarli nel loro covo, dov'è stata recuperata anche parte della merce rubata.