Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/292: L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DAL SUDAFRICA

Nel consuento anticipo della stagione 2020 successo di Larrazabal


SUDAFRICA - Son trascorsi solo quattro giorni dalla conclusione della stagione 2019 in Medio Oriente, e l’European Tour già apre in Sudafrica quella del 2020, con il consueto anticipo sull’anno solare. Si gioca sul Par 72 del Leopard Creek CC di Malelane, nel distretto di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/291: DOPO 47 TORNEI, IL TOUR EUROPEO SI CHIUDE A DUBAI

Con la vittoria lo spagnolo Jon Rahm diventa numero uno continentale


DUBAI - Dopo 47 tornei disputati in 31 diverse nazioni, si chiude l’ampia stagione del Tour europeo, con il DP World Tour Championship, sul percorso del Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Il torneo di Dubai mette in palio una prima moneta da record, la leadership...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/290: GRAN RIMONTA DI FLEETWOOD IN SUDAFRICA

L'inglese fa suo il Nedbamk Challenge. Bene Migliozzi


SUN CITY (SAF) - Siamo al settimo degli otto eventi delle Rolex Series dell’European Tour, si gioca sul percorso del Gary Player CC, a Sun City in Sudafrica, uno dei Campi più lunghi del mondo (8.000 m). Nato nel 1981 come evento riservato a pochi eletti, tra i migliori al mondo che si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso- "L'amministrazione non ha realizzato il cambiamento atteso"

TERREMOTO A PALAZZO DEI 300, DUE CONSIGLIERI LASCIANO IL PD

Daniela Zanussi e Domenico Zanata fondano un gruppo autonomo


TREVISO - Terremoto nella maggioranza che sostiene l'amministrazione Manildo: i consiglieri comunali Daniela Zanussi e Domenico Zanata lasciano il Pd, nelle cui fila sono stati eletti, per fondare un gruppo autonomo "Sinistra civica". Una scelta, spiegano i due, dettata dal fatto che l'amministrazione, dopo due anni di mandato, non è riuscita ad operare il cambiamento concreto richiesto dagli elettori. "Lo sguardo, osservando il percorso compiuto, coglie troppi compromessi: più di quanti l’amministrare in sè e per sè imponga - scrivono Zanussi e Zanata -. Si vedono anche molte soluzioni che oltre ad apparire più comode (più semplici cioè da conseguire, rispetto ad altre che avrebbero richiesto maggiore sforzo), risultano anche meno sapienti nell’individuare le risorse a nostra disposizione e il miglior uso che di esse potremmo e dovremmo fare". Diversi i punti su cui già nei mesi precedenti i due consiglieri avevano manifestato perplessità, che ora ripropongono: dalla cultura alla mobilità, all'attenzione alle fasce più deboli.
Ma soprattutto denunciano una mancanza di confronto tra giunta e consiglio comunale: "Confronto questo che, anche nell’ambito della sola maggioranza, è spesso mancato e di ciò se ne sono patite le conseguenze: lo vediamo nell’insoddisfazione, di quella parte di cittadinanza che aveva cercato e ottenuto il cambiamento che qui si è detto, dovuta al fatto che la giunta si è allontanata dal percorso che chi si era presentato al giudizio degli elettori aveva promesso e, per taluni singoli temi, già annuncia che ancor più se ne discosterà". Sotto accusa finisce anche il Partito democratico, incapace di intervenire fattivamente sull'azione di governo cittadino: "Non può poi, considerato che chi scrive è stato eletto nella sua lista, essere trascurato il fatto che il Partito Democratico non ha avuto in alcun modo né la forza né l’impegno sufficienti ad indirizzare l’azione amministrativa del sindaco che pure a quel partito è iscritto: ciò né a livello di organizzazione cittadina, né -a nostro giudizio- a livello di gruppo consiliare. Un gruppo composto da molte persone intelligenti, capaci e di valore ma che, forse per timore che posizioni troppo assertive minassero l’azione dell’amministrazione di centrosinistra di Treviso, non ha -secondo noi- colto che quell’amministrazione esisteva proprio perché i cittadini avevano richiesto estrema assertività sui temi sociali, culturali e ambientali".
Per queste ragioni Zanussi, che sarà la nuova capogruppo, e Zanata hanno scelto di continuare a sostenere l'amministrazione Manildo, ma lo faranno da posizione autonome.