Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso- "L'amministrazione non ha realizzato il cambiamento atteso"

TERREMOTO A PALAZZO DEI 300, DUE CONSIGLIERI LASCIANO IL PD

Daniela Zanussi e Domenico Zanata fondano un gruppo autonomo


TREVISO - Terremoto nella maggioranza che sostiene l'amministrazione Manildo: i consiglieri comunali Daniela Zanussi e Domenico Zanata lasciano il Pd, nelle cui fila sono stati eletti, per fondare un gruppo autonomo "Sinistra civica". Una scelta, spiegano i due, dettata dal fatto che l'amministrazione, dopo due anni di mandato, non è riuscita ad operare il cambiamento concreto richiesto dagli elettori. "Lo sguardo, osservando il percorso compiuto, coglie troppi compromessi: più di quanti l’amministrare in sè e per sè imponga - scrivono Zanussi e Zanata -. Si vedono anche molte soluzioni che oltre ad apparire più comode (più semplici cioè da conseguire, rispetto ad altre che avrebbero richiesto maggiore sforzo), risultano anche meno sapienti nell’individuare le risorse a nostra disposizione e il miglior uso che di esse potremmo e dovremmo fare". Diversi i punti su cui già nei mesi precedenti i due consiglieri avevano manifestato perplessità, che ora ripropongono: dalla cultura alla mobilità, all'attenzione alle fasce più deboli.
Ma soprattutto denunciano una mancanza di confronto tra giunta e consiglio comunale: "Confronto questo che, anche nell’ambito della sola maggioranza, è spesso mancato e di ciò se ne sono patite le conseguenze: lo vediamo nell’insoddisfazione, di quella parte di cittadinanza che aveva cercato e ottenuto il cambiamento che qui si è detto, dovuta al fatto che la giunta si è allontanata dal percorso che chi si era presentato al giudizio degli elettori aveva promesso e, per taluni singoli temi, già annuncia che ancor più se ne discosterà". Sotto accusa finisce anche il Partito democratico, incapace di intervenire fattivamente sull'azione di governo cittadino: "Non può poi, considerato che chi scrive è stato eletto nella sua lista, essere trascurato il fatto che il Partito Democratico non ha avuto in alcun modo né la forza né l’impegno sufficienti ad indirizzare l’azione amministrativa del sindaco che pure a quel partito è iscritto: ciò né a livello di organizzazione cittadina, né -a nostro giudizio- a livello di gruppo consiliare. Un gruppo composto da molte persone intelligenti, capaci e di valore ma che, forse per timore che posizioni troppo assertive minassero l’azione dell’amministrazione di centrosinistra di Treviso, non ha -secondo noi- colto che quell’amministrazione esisteva proprio perché i cittadini avevano richiesto estrema assertività sui temi sociali, culturali e ambientali".
Per queste ragioni Zanussi, che sarà la nuova capogruppo, e Zanata hanno scelto di continuare a sostenere l'amministrazione Manildo, ma lo faranno da posizione autonome.