Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO L'intervista all'ideatore e curatore Architetto Gaetano Mazzeo

GRANDE SUCCESSO PER "TREVISO, LA BICICLETTA E LA GRANDE GUERRA"

La mostra al Salone dei Trecento raggiunge i 9000 visitatori



TREVISO
- Ha riscosso un tale successo che è stata prorogata sino al 28 giugno la mostra "Treviso, La Bicicletta e la Grande Guerra" pensata, curata e realizzata nel Salone di Palazzo dei Trecento dall'architetto Gaetano Mazzeo.
Una mostra pensata come evento collaterale alla venuta del Giro d'Italia e dell'attesissima tappa a cronometro Treviso-Valdobbiadene del 23 maggio scorso e che in pochi giorni ha ricevuto un numero altissimo di visite superando in questi giorni quota 9000 e "costringendo" (ben volentieri, ne siamo certi....) gli organizzatori a chiedere e ottenere di prolungare l'apertura fino a fine mese.

Un percorso nella storia della bicicletta, vero e proprio strumento di libertà, l'unica catena che non vincola, anzi, regala la possibilità di scappare evadere e trovare fortuna. Molti i cimeli esposti e trovati grazie alla gentilezza di privati che li hanno custoditi in tutti questi anni. Esemplari di Biciclo risalenti a fine '800, quelle dei soldati, da Enrico Toti con tanto di stampella.
E poi l'affascinante bicicletta dei pompieri o del "moeta" o arrotino; la bici attrezzata per fare il burro, quella della maestra e poi quelle usate da Bartali in tempo di Gaetano Mazzeoguerra durante la quale faceva da corriere per portare documenti nascondendoli nella canna e poter salvare vite umane, fino ad arrivare ai tempi più moderni, e le Pinarello di Giovani Battaglin che uso per vincere Giro e Vuelta nel 1981 e Bradley Wiggins nel Tour del 2012.

La mostra è aperta tutti i pomeriggi dal lunedì al sabato, domenica e festivi anche al mattino.


AUDIO L'intervista e la presentazione della mostra "Treviso, La Bicicletta e la Grande Guerra" dalle parole dell'architetto Gaetano Mazzeo intervenuto in diretta a Buongiorno Veneto Uno.