Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Formalizzata l'ipotesi di reato, ancora a carico di ignoti, dal pm Stefano Ancilotto

CA' DELLA ROBINIA: A VENEZIA SI INDAGA PER ABUSO D'UFFICIO

Guardia di Finanza in Regione per acquisire documenti dagli uffici



NERVESA DELLA BATTAGLIA
– Indagati ancora non ce ne sono, ma l'inchiesta sul caso Ca' della Robinia, riguardante un finanziamento regionale di 3,5 milioni di euro per l'acquisto e la trasformazione dell'ex Disco Palace in una struttura che avrebbe dovuto dar lavoro a un gruppo di disabili, ora ha un'ipotesi di reato. La Procura di Venezia, che sta indagando assieme a quella di Treviso, ha infatti formalizzato l'accusa di abuso d'ufficio.

Il fascicolo è in mano al procuratore aggiunto Carlo Nordio e al pm Stefano Ancilotto, che fa parte del pool che si occupa dei reati contro la Pubblica Amministrazione. Suoi, ad esempio, i casi che hanno riguardato Baita e la Mantovani, lo scandalo Mose e il presunto finanziamento illecito dell'ex sindaco di Venezia Giorgio Orsoni.

La Procura veneziana vuole accertare i meccanismi del finanziamento da parte dell'assessorato di Remo Sernagiotto alla coop di Bruna Milanese, su cui indaga la Procura di Treviso che potrebbe accusarla di truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche o di malversazione, ma al momento il fascicolo rimane senza ipotesi di reato.

Di certo c'è che il pm Ancilotto ha mandato nei giorni scorsi i finanzieri del nucleo di polizia tributaria negli uffici della Regione per acquisire documentazione cartacea e dai computer degli uffici, dopo aver acquisito anche il verbale d'interrogatorio di Bruna Milanese.