Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il progetto, dell'architetto Diego De Nardi, ha ridato vita all'edificio sacro

CONCLUSO IL RESTAURO DEL TEMPIO DEL BEATO ENRICO A TREVISO

Mercoledì 10 giugno una Messa solenne per celebrare l'evento


TREVISO - La Diocesi restituisce in questi giorni ai fedeli e alla città il tempietto del Beato Enrico da Bolzano, posto in via Canova a Treviso, a pochi passi dalla Cattedrale di San Pietro Apostolo. I lavori di restauro coincidono con la ricorrenza del settimo centenario della morte di Enrico da Bolzano, il mendicante dedito alla preghiera e all'elemosina, avvenuta in una stamberga adiacente all'attuale tempio, divenuta poi cappella a lui dedicata, il 10 giugno 1315. Si tratta di un intervento volto alla valorizzazione di un monumento poco conosciuto, tuttavia caratterizzato da un grande valore devozionale e di culto. Il progetto, dell'architetto Diego De Nardi, è consistito nel restauro dell'edificio, nell'adeguamento liturgico e nell'allestimento delle opere d'arte di rilevo presenti.
In particolare, è stato valorizzato il giardino esterno con la pregevole cancellata in ferro del XVIII secolo ed è stata riqualificata l'illuminazione esterna e del pronao. All'interno sono state allestite le opere d'arte salienti presenti, oggetto di restauro e di valorizzazione attraverso un nuovo progetto della luce: la grande pala del Beato Enrico, olio su tela del Paoletti del 1839, raffigurante il “Miracolo del sarto”, è stata ricollocata nel presbiterio, accanto a due angeli del XVII secolo; la statua lignea della Madonna della Speranza, opere composita del XVI e XVIII secolo, è stata collocata su un pannello ostensivo nella parete destra; la statua lignea del Beato Enrico è stata incorniciata da un pannello ostensivo retroilluminato e messa in risalto da una luce d'accento.
Infine, sono state realizzate due teche, per valorizzare e rendere visibili ai fedeli reliquie e oggetti sacri legati al culto del Beato Enrico.
Tra i primi pellegrini a inaugurare, in modo “informale” il restaurato tempietto, i quasi 200 fedeli della diocesi di Bolzano che hanno vissuto il loro pellegrinaggio, lo scorso 2 giugno, sulle orme del beato, nato nelle loro terre ed emigrato a Treviso con la famiglia.
Mercoledì 10, nel giorno della morte del beato Enrico, alle 20.30 in cattedrale, sarà celebrata la messa solenne, presieduta dal Vescovo. A questa celebrazione sono particolarmente invitati gli operatori e i volontari Caritas di tutta la diocesi e le confraternite della San Vincenzo de’ Paoli. Al mattino, alle 10, sarà celebrata anche una santa messa al tempietto.