Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'89enne di Cessalto ha infatti graffiato più volte il figlio prima di morire soffocata

AMELIA ZINA CASTAGNOTTO SI È DIFESA FINO ALL'ULTIMO RESPIRO

Francesco Sgroi è piantonato in cella: si temono tendenze suicide



CESSALTO
– (gp) Amelia Zina Castagnotto si è difesa con tutte le sue forze prima di morire soffocata dal cuscino che il figlio le premeva sul volto. L'istinto di sopravvivenza, nonostante i suoi 89 anni, era talmente forte che l'anziana è riuscita a opporsi per diversi secondi alla furia omicida del 59enne Francesco Sgroi, graffiandolo e ferendolo più volte al volto e alle braccia.

E' questo un ulteriore retroscena dell'omicidio che si è consumato domenica sera, attorno alle 19.30, nell'abitazione della donna al civico 91 di via Isonzo a Cessalto. Il figlio, che si trova rinchiuso nel carcere di Santa Bona in attesa dell'interrogatorio di convalida del fermo, ha realizzato ciò che ha commesso ed è piantonato in cella per paura che possa sviluppare delle tendenze suicide. Nel frattempo la Procura di Treviso ha formalizzato le accuse nei suoi confronti: omicidio volontario aggravato sia dal vincolo familiare che dalla minorata difesa.

Esclusa invece l'ipotesi della premeditazione: il delitto sarebbe infatti frutto di un raptus di Francesco Sgroi scaturito al termine di una lite, di cui i vicini hanno avvertito le urla. Sarebbero stati proprio loro a raccogliere le confidenze, negli ultimi mesi, del 59enne: pare infatti che dover accudire tutti i giorni l'anziana madre fosse diventato per lui un peso.

Domenica sera, probabilmente dopo l'ennesima discussione riguardante il bilancio familiare e le modalità con cui venivano spesi i soldi, il 59enne ha perso la testa sfogandosi contro l'anziana. Da una prima ricostruzione l'avrebbe spinta sul letto e l'avrebbe soffocata con il cuscino. A fornire maggiori dettagli ci penserà l'autopsia, il cui incarico verrà conferito mercoledì al medico legale Alberto Furlanetto.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
08/06/2015 - Uccide la madre 90enne soffocandola con un cuscino