Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'89enne di Cessalto ha infatti graffiato più volte il figlio prima di morire soffocata

AMELIA ZINA CASTAGNOTTO SI È DIFESA FINO ALL'ULTIMO RESPIRO

Francesco Sgroi è piantonato in cella: si temono tendenze suicide



CESSALTO
– (gp) Amelia Zina Castagnotto si è difesa con tutte le sue forze prima di morire soffocata dal cuscino che il figlio le premeva sul volto. L'istinto di sopravvivenza, nonostante i suoi 89 anni, era talmente forte che l'anziana è riuscita a opporsi per diversi secondi alla furia omicida del 59enne Francesco Sgroi, graffiandolo e ferendolo più volte al volto e alle braccia.

E' questo un ulteriore retroscena dell'omicidio che si è consumato domenica sera, attorno alle 19.30, nell'abitazione della donna al civico 91 di via Isonzo a Cessalto. Il figlio, che si trova rinchiuso nel carcere di Santa Bona in attesa dell'interrogatorio di convalida del fermo, ha realizzato ciò che ha commesso ed è piantonato in cella per paura che possa sviluppare delle tendenze suicide. Nel frattempo la Procura di Treviso ha formalizzato le accuse nei suoi confronti: omicidio volontario aggravato sia dal vincolo familiare che dalla minorata difesa.

Esclusa invece l'ipotesi della premeditazione: il delitto sarebbe infatti frutto di un raptus di Francesco Sgroi scaturito al termine di una lite, di cui i vicini hanno avvertito le urla. Sarebbero stati proprio loro a raccogliere le confidenze, negli ultimi mesi, del 59enne: pare infatti che dover accudire tutti i giorni l'anziana madre fosse diventato per lui un peso.

Domenica sera, probabilmente dopo l'ennesima discussione riguardante il bilancio familiare e le modalità con cui venivano spesi i soldi, il 59enne ha perso la testa sfogandosi contro l'anziana. Da una prima ricostruzione l'avrebbe spinta sul letto e l'avrebbe soffocata con il cuscino. A fornire maggiori dettagli ci penserà l'autopsia, il cui incarico verrà conferito mercoledì al medico legale Alberto Furlanetto.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
08/06/2015 - Uccide la madre 90enne soffocandola con un cuscino