Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'esame del dna ritrovato nell'audi RS6 ha dato esito negativo: sarā archiviato

BANDA DEL BANCOMAT: IL QUINTO UOMO RIMARRĀ IMPUNITO

L'inchiesta ora passa a Rovigo per competenza territoriale



SILEA
– (gp) Il quinto uomo della banda del bancomat rimarrà impunito. I sospetti della Procura di Treviso, che lo aveva formalmente iscritto nel registro degli indagati, non sono stati suffragati dall'analisi del dna ricavato dalle tracce di sangue rinvenute all'interno dell'Audi RS6 che si era schiantata in via Belvedere a Silea uccidendo Giancarlo Garbin e Romeo Dell'Innocenti e ferendo gravemente i due giostrai di 34 e 33 anni Johnny Pevarello ed Elvis Innocenti.

Alla guida si trovava proprio questa quinta persona, ma la perizia del Ris di Parma ha stabilito che le tracce biologiche analizzate non appartengono al quinto complice. L'incidente probatorio di fronte al gip Angelo Mascolo ha insomma decretato che l'unica prova possibile per incastrare il quinto indagato non c'è, tanto che il pm Giovanni Valmassoi, salvo sorprese, sarà costretto a chiedere l'archiviazione della posizione del quinto uomo considerato l'autore, assieme ai quattro complici, dell'assalto al bancomat della filiale di San Cipriano di Roncade della Banca di Credito Cooperativo di Monastier e del Sile del 13 gennaio scorso.

L'unico uscito incolume dall'abitacolo dopo lo schianto, si sarebbe dato alla fuga a piedi riuscendo a dileguarsi e abbandonando i complici sul luogo dell'incidente. Di certo c'è che all'esterno dell'istituto di credito erano state immortalate dalle telecamere cinque persone e inizialmente si pensava che il quinto uomo si fosse allontanato a bordo di un'altra vettura.

Ora, all'esito dell'incidente probatorio, l'inchiesta passerà da Treviso a Rovigo per competenza territoriale. È infatti in Polesine che la banda aveva colpito per la prima volta il 14 gennaio, assalto fallito a RovigoBanca di Salara. Poi avrebbero colpito a Masi, nel Padovano e alla Popolare di Marostica a Breganze, nel Vicentino. Infine, prima dello schianto, a San Cirpiano di Roncade Roncade.