Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato un pensionato trevigiano di 78 anni: dovrà anche pagare 50 mila euro

STANGATO IL "NONNO PEDOFILO": OTTO ANNI DI RECLUSIONE

Vittima degli abusi la niptina, che all'epoca dei fatti aveva sei anni



TREVISO
– (gp) Otto anni di reclusione e 50 mila euro di risarcimento ai genitori della vittima, che si sono costituiti parte civile con l'avvocato Elena Della Martina. Questa la pesante condanna inflitta dai giudici del Tribunale di Treviso a un 78enne trevigiano, difeso dall'avvocato Stefano Bof, finito sotto accusa per violenza sessuale per aver abusato della nipotina, che all'epoca dei fatti aveva appena sei anni.

Contestazioni che l'uomo ha sempre respinto dicendosi vittima di una macchinazione contro di lui e sostenendo di non aver mai toccato o abusato della nipotina. Motivo per cui la difesa ha già annunciato che presenterà ricorso in appello contro la sentenza di primo grado. Secondo i giudici però quegli abusi ci sarebbero stati, e ci sarebbero state prove sufficienti per dichiarare l'uomo colpevole.

Prove talmente schiaccianti che hanno spinto la corte a non riconoscere le attenuanti all'imputato, per il quale il pm Massimo De Bortoli, titolare della delicatissima inchiesta, aveva ipotizzato una pena finale a cinque anni di carcere. Nel corso del procedimento penale, il 78enne era stato anche sottoposto a una perizia psichiatrica che aveva stabilito che le sue condizioni erano e sono difficili ma che è in grado di partecipare al processo.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il nonno avrebbe approfittato della piccola nei momenti in cui, lontano da occhi indiscreti, riusciva ad appartarsi con lei dovendola accudire. In realtà l'avrebbe più volte abbracciata, baciata e toccata nelle parti intime, facendo fare lo stesso a lei. Condotte che sarebbero state scoperte dalla madre della piccola (figlia della compagna del pensionato) che aveva presentato denuncia spedendo il 78enne a processo.