Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dieci mesi a Ljubis Sakic, un anno sostituito dall'espulsione per Marko Bakik

UN "JAMMER" PER RAZZIARE I NEGOZI: CONDANNATI DUE SERBI

Erano stati arrestati dopo un colpo in un ottico a Castelfranco



CASTELFRANCO VENETO
– Con un disturbatore di frequenze, chiamato in gergo “jammer”, sarebbero riusciti a portare a termine furti nei negozi senza essere scoperti dall'antitaccheggio. Ad usare questo dispositivo elettronico, solitamente venduto nel web e consistente in un oggetto della grandezza di un piccolo telecomando, due serbi di 49 anni, arrestati dai carabinieri di Castelfranco.

Gli stranieri, utilizzando il “jammer”, erano riusciti a rubare in un negozio di ottica di Castelfranco due paia di occhiali del valore di 500 euro ma erano stati scoperti dal titolare. Processati per direttissima, sono stati entrambi condannati con rito abbreviato.

Ljubisa Sakic ha rimediato una pena di 10 mesi di reclusione mentre Marko Bakik, che si è scoperto essere destinatario di un ordine di cattura emesso dalla Corte d'Appello di Brescia per scontare 4 mesi e 27 giorni di carcere per dei furti commessi nel bresciano, è stato condannato a un anno, un mese e dieci giorni. L'uomo, difeso come il complice dall'avvocato Luisa Osellame, ha chiesto e ottenuto la sostituzione della pena detentiva con l'espulsione dal territorio italiano e il divieto di rimetterci piede per cinque anni.

I carabinieri, perquisendo la loro auto dopo l'arresto, avevano ritrovato altra refurtiva tra cui scarpe, cinture e giacche: la merce, ancora etichettata e di un valore di circa 1500 euro, era stata rubata in altri negozi usando il disturbatore di frequenze.