Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Manildo: "Così dovremo spendere soldi pubblici per ripulire"

SCRITTE CONTRO IL SINDACO DAVANTI CASA E MUNICIPIO

Vandali in azione anche in altri punti della città


TREVISO - Scritte contro il sindaco Giovanni Manildo e contro il prefetto sono comparse la scorsa notte in vari punti della città. Le frasi, in particolare, sono state tracciate con lo spray da ignoti anche sull'asfalto davanti all'abitazione privata del primo cittadino e sul marciapiede di fronte a Ca' Sugana.
Manildo ha replicato: "La libertà di pensiero e parola sono sacrosante. Non mi disturba il contenuto delle frasi, ognuno la pensa come vuole. Ma condanno fortemente le modalità: soprattutto se oltre all’abitazione privata si oltraggia la casa di tutti i cittadini". Il sindaco infatti, si è detto amareggiato soprattutto per la spesa causata dall'atto vandalico: questa mattina un operaio comunale ha dovuto lavorare per tre ore per rimuovere le scritte: ”L'abitazione privata è quanto di più intimo esista. Permettersi di violarla è un atto gravissimo - conferma Manildo -. Ma ciò che è ancora più grave è che abbiamo speso soldi pubblici per ripulire le scritte dal marciapiede di Ca’ Sugana, oltre che dal Calmaggiore e dall’ex acquedotto in via Lanceri di Novara. Preferivamo destinare quei soldi a una famiglia in difficoltà. E' già pronta la denuncia contro ignoti al fine di recuperare i soldi della collettività”.