Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Arrestato dai carabinieri un albanese di 30 anni

UN KG DI "COCA" NASCOSTA IN UN PACCO DALLA COLOMBIA

Droga occultata all'interno di un elettrodomestico


MONTEBELLUNA - Un kg di cocaina purissima, del valore di oltre 300mila euro, nascosto all'interno di un elettrodomestico, un desalinizzatore d'acqua: questo quanto hanno trovato i carabinieri all'interno di un pacco proveniente dalla Colombia e recapitato ad un montebellunese di 30 anni. Il giovane era semplicemente il prestanome del reale destinario del pacco, un albanese di 30 anni, Besnik Bejko, dipendente di un negozio ai “Giardini del Sole” di Castelfranco. Lo straniero, su ordine del gip del tribunale di Treviso, si trova ora in carcere a Santa Bona. In base a quanto accertato dai militari il montebellunese avrebbe avuto un compenso, per fare da prestanome, di circa 5mila euro. Il pacco aveva già superato i ferrei controlli doganali della Colombia; la droga era stata occultata all'interno del motore dell'elettrodomestico. Ai microfoni di radio VenetoUno le parole del comandante dei carabinieri di Montebelluna, Eleonora Spadati.