Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, arrestato dalla polizia postale un 45enne milanese

TENTA DI INCASSARE BUONI POSTALI CON FINTI DOCUMENTI: ARRESTATO

Erano intestati ad un ignaro cittadino siculo


TREVISO - Un 45enne è stato arrestato dalla polizia postale per aver tentato di incassare buoni postali del valore di 40 milioni delle vecchie lire euro presso l’ufficio Postale di via Marchesan a Treviso. La documentazione presentata dall'uomo, residente nel milanese, è infatti risultata essere del tutto contraffatta: i buoni postali risultavano dei falsi di buoni realmente esistenti ed intestati ad un ignaro cittadino siculo. Falso è risultato essere anche il documento di identità utilizzato dal falsario per ottenere l’incasso. Qualcosa non ha però funzionato nei piani del soggetto. Infatti, gli uomini della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Treviso avevano già da tempo messo tra i propri obiettivi investigativi il criminale ed avevano attivato uno stretto e continuo scambio informativo con il Direttore dell’Ufficio Postale. Così, quando qualche giorno fa l’uomo si è presentato presso l’ufficio postale di via Marchesan per poter ottenere il profitto della sua attività criminale è stato attivato l’alert predisposto dagli uomini della Postale che in pochi minuti sono piombati sul posto mettendo le manette al malfattore.