Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per la prima volta da anni, gli immigrati sotto quota centomila

NELLA MARCA 493 PROFUGHI: SONO LO 0,06% DELLA POPOLAZIONE

Presentato il Rapporto 2015 sui cittadini stranieri a Treviso


TREVISO - Gli stranieri nella Marca continuano a diminure e per la prima volta da anni, scendono sotto i centomila: a fine 2014 i residenti non italiani erano 98.957, il 2,7% in meno rispetto all'anno precedente. A rivelarlo è il dodicesimo Rapporto sui cittadini stranieri a Treviso, curato da Anolf, Caritas di Treviso e di Vittorio Veneto, Migrantes e cooperativa Servire.
Un calo su cui, però, influiscono anche le 4.392 persone che l'anno scorso Alcuni dei curatori del Dossier immigrazione hanno ottenuto la cittadinanza italiana e dunque non rientrano più nelle statistiche degli immigrati. Pesa poi la contrazione della natalità anche tra gli stranieri: se il saldo nati-morti rimane negativo per gli italiani, peggiora pure per i cittadini di altre nazionalità, che finora avevano contribuito in modo determinante all'equilibrio complessivo. Con tutti i rischi futuri per la sostenibilità sociale.
Nella popolazione straniera si rafforza la componente femminile, non tanto per un aumento assoluto di donne, quanto per la riduzione degli uomini, effetto dei licenziamentinelle industrie manifatturiere che hanno colpito soprattutto maschi, mentre le tradizionali occupazioni femminili rimangono sostanzialmente invariate. A questo proposito, un sondaggio correlato al dossier mostra come a trasferirsi altrove siano però in prevalenza i membri della famiglia allargata: nonni, zii, fratelli o sorelle non spostati. Mete preferite Emilia Romagna e Lombardia o, oltreconfine, Francia, Germania, Regno Unito. Relativamente pochi i rientri in patria.
Il rapporto dedica un capitolo anche all'emergenza profughi: ad oggi nella Marca ne sono ospitati 493, a fronte di quasi di 1.200 transitati dall'inizio della Profughi all'ex caserma Salsacrisi. Rappresentano lo 0,5% di tutti gli stranieri e lo 0,06% dell'intera popolazione. Fossero rimasti tutti, comunque, non supererebbero lo 0,13% della popolazione totale. Secondo i dati dell'apposita commissione di Gorizia (a cui fa riferimento in prevalenza la provincia di Treviso), lo status di rifugiato viene riconosciuto al 61% di chi ha presentato domanda. “E' almeno dal 2011 che chiediamo alla Prefettura di convocare la Consulta dell'immigrazione, per poter affrontare la questione non solo e sempre dal punto di vista emergenziale – nota Franco Marcuzzo (Anolf) -. Non abbiamo mai avuto risposta. Più che concentrarli in un unico centro, la soluzione passa per un'accoglienza diffusa, a piccoli gruppi, più gestibili”.
Il rapporto comprende anche una specifica ricerca sulle strategie per affrontare la crisi messe in atto dagli immigrati, in particolare le seconde generazioni: verrà presentata nel dettaglio venerdì sera, alle 20.30, a Palazzo Bomben, sede della Fondazione Benetton, in via Cornarotta a Treviso.