Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Tre cooperative sociali coinvolte: Campoverde di Castelfranco Veneto, Ca’ Corniani di Monfumo e il Cantiere della Provvidenza, di Belluno

RINASCE LA SETA MADE IN ITALY, 100% ETICA E A KM 0

L'idea di Giampietro Zonta , AD dell'azienda D'orica e della moglie Daniela Racanello


NOVE - Dopo oltre 50 anni rinasce in Veneto la seta etica 100% made in Italy. Gli ideatori di questo ambizioso progetto sono Giampietro Zonta, titolare della ditta D’orica di Nove e la moglie Daniela Raccanello, designer orafa. “La scorsa estate mia moglie Daniela Raccanello– racconta Giampietro Zonta – ricercava un filato che avesse la stessa preziosità ed eleganza dell’oro per la creazione di una nuova collezione. Abbiamo individuato nella seta il materiale ideale per la produzione dei nostri gioielli, ma per essere in linea con i nostri valori aziendali dovevamo utilizzare solo una seta made in Italy. Sono bastate poche ricerche per scoprire che la vera seta italiana non esisteva più. Non ci siamo arresi e abbiamo iniziato a contattare tecnici e studiosi della seta, perché convinti che fosse la strada giusta da percorre.“

L’ambizioso progetto di Giampietro Zonta e Daniela Raccanello si concretizza nel 2014: dopo più di 50 anni è stata riprodotta la vera seta 100% italiana con cui sono stati realizzati degli esclusivi gioielli in seta e oro, presentati in anteprima ai mercati internazionali a gennaio 2015, in occasione della Mostra Internazionale VicenzaOro. La filiera della seta riparte quindi grazie alla collaborazione tra un’azienda orafa che esporta il made in Italy nel mondo e alcune cooperative sociali venete, specializzate in gelsibachicoltura. Inoltre, sono stati coinvolti e messi in rete i massimi esperti di settore a livello europeo (centri di ricerca, tecnici e consulenti specializzati), stakeholder indispensabili per un progetto di ricerca ed innovazione che coinvolge trasversalmente più settori.

Dal sogno alla realtà grazie alla rete d’imprese costituita dall’azienda capofila D’orica srl di Nove, dalla Cooperativa sociale agricola Campoverde di Castelfranco Veneto (TV), Ca’ Corniani, società cooperativa agricola sociale di Monfumo (TV) e il Cantiere della Provvidenza, Società Persona Ambiente Soc. Coop. Sociale onlus di Belluno. La filiera non sarebbe ripartita senza il coinvolgimento anche di figure professionali quali Silvia Cappellozza del CRA-API di Padova - centro d’eccellenza unico in Europa occidentale a sostegno della bachicoltura - e i suoi collaboratori; l’Ing. Flavio Crippa, consulente tecnico-scientifico e responsabile del “Museo della Seta Abegg" di Garlate; l’agronomo Fernando Pellizzari. Hanno, inoltre, supportato l’iniziativa anche Silvio Faragó, direttore della Divisione Seta di Innovhub, Stazione sperimentale di Milano che opera come centro di ricerca scientifica industriale e sperimentale, che si occupa della certificazione della qualità dei tessuti e filati serici; Giustino Mezzalira e gli esperti di Veneto Agricoltura, Azienda Regionale per i settori Agricolo, Forestale e Agro-Alimentare.

Infine sono stati fondamentali i contributi del tecnico esperto Aldo Roncato e dell’ingegnere dell’automazione Salvatore Gullì: è stata infatti rimessa in funzione una filanda industriale del 1971 - una macchina per la “trattura”, ovvero per il processo che trasforma il bozzolo in seta grezza - unico esemplare conosciuto in Europa che permette di fare ricerca e sperimentazione sulla resa e sulle caratteristiche del filato. L’obiettivo comune di questa rete di imprese e di esperti è condividere un percorso di valorizzazione delle reciproche conoscenze ed esperienze, delle strategie innovative e dei cicli produttivi virtuosi e sostenibili. Eccezionali potenzialità si celano dietro a queste realtà partner, solo apparentemente lontane tra loro, che si possono esprimere come elementi indispensabili per l’avvio di nuovi business e nuove opportunità occupazionali a beneficio di tutta la rete d’imprese.

Oggi l'allevamento del baco, la filatura e la tessitura della seta possono essere riproposti sul mercato in risposta alla crescente domanda di prodotti realizzati con materie prime di alta qualità: grazie a filiere certificate si possono garantire autentici manufatti made in Italy.
Integrando ricerca industriale, sviluppo sperimentale ed innovazione di processo, si è ora in grado di produrre filati e sottoprodotti naturali a km zero con caratteristiche tecniche, tecnologiche e qualitative ai massimi livelli mondiali, che possono trovare applicazione nei settori orafo, lusso, moda (tessile, abbigliamento, accessori), cosmesi e benessere, farmaceutico e medicale, protesico, alimentare (integratori), elevando le caratteristiche e la competitività dei prodotti nel mercato internazionale di riferimento.