Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Salta la prima seduta dell'assemblea veneta fissata per lunedì

CAOS CONSIGLIERI, CONTEGGI DEI VOTI DA RIFARE

Eletti proclamati, ma la Corte d'appello rifà i calcoli


VENEZIA - La convocazione è già stata fissata per lunedì prossimo, 22 giugno, alle 10.30. Ma ora la prima seduta del Consiglio regionale del Veneto della X legislatura potrebbe saltare: la telenovela dei riconteggi dei voti pare non essere ancora finita, a quasi tre settimane dalle elezioni del 31 maggio e nonostante presidente e consiglieri eletti siano stati proclamati lunedì scorso. Le nomine non hanno fermato i ricorsi e le polemiche, che già erano sorte nei giorni immediatamente seguenti alla chiusura delle urne, complice la complessità del meccanismo dalla legge elettorale regionale. Alcuni consiglieri dati per certi da varie simulazioni ufficiose si erano poi all'ultimo trovati esclusi dal computo ufficiale. Al centro della questione il calcolo dei “resti” dei quozienti regionali e la loro assegnazione nelle diverse province l'individuazione concreta degli eletti. Ora l'ufficio centrale elettorale della Corte d'appello di Venezia avrebbe nuovamente messo mano alle operazioni: cinque, secondo le prime indiscrezioni, i consiglieri destinati a cambiare in base ai nuovi conteggi. Per Vicenza, dovrebbe entrare a Palazzo Ferro Antonio Guadagnini (Indipendenza Noi Veneto), al posto di Marco Dalla Gassa (M5S), a Padova Massimiliano Barison (Forza Italia) al posto di Giuseppe Pan (Lega Nord), a Venezia Alberto Semenzato (Lega) al posto di Otello Bergamo (Forza Italia). Nella circoscrizione bellunese risulterebbe eletto Franco Gidoni (Lega) invece di Franco Roccon (Indipendenza Noi Veneto), mentre a Rovigo Patrizia Bertella (Movimento 5 Stelle) invece di Stefano Falconi (Lega Nord). Invariate le attribuzioni dei seggi per Treviso e Verona.
Di certo, dunque il caos nella definizione del nuovo parlmentino veneto, tanto da far rinviare la prima riunione dell'assemblea.