Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ex allenatore del Treviso atteso da un'avventura in Medio Oriente

DAVIDE TENTONI EMIGRA IN PALESTINA, ALLENERÀ L'AHLI KHALIL

"Sono entusiasta, per me si aprono scenari davvero stimolanti"


TREVISO - Davide Tentoni, ex allenatore del Calcio Treviso, sarà il prossimo mister della squadra palestinese dell'Ahli Khalil di Hebron, Cisgiordania. Anzi, inizierà come assistente di Stefano Cusin, il quale però è destinato a diventare il titolare della panchina della nazionale, e quindi Tentoni ne prenderà il posto,diventando anche l'assistente in nazionale. Dice Tentoni: "Mi attende un mondo completamente diverso: è questo che mi affascina, andare in un contesto così nuovo. Si aprono scenari davvero stimolanti. All‘inizio c‘era il rischio di diventare subito capo allenatore dell‘Ahli e sinceramente la prospettiva un po‘ la temevo, anche perché è la prima volta che vado all‘estero e mi pareva un po‘ traumatico, invece avere al fianco in questi mesi un traghettatore penso sia un vantaggio, così potrò ambientarmi, conoscere la lingua e le abitudini."
Che club è l’Ahli rispetto al campionato palestinese?
"Il più importante, come serietà e crescita professionale, ed un presidente dalle idee validissime. Siamo i detentori della Coppa di Palestina e ad agosto faremo la Supercoppa contro i vincitori dello scudetto; inoltre parteciperemo alla Champions asiatica. Nella rosa ci sono 7 nazionali e l’obiettivo è vincere il campionato: diciamo che il loro torneo è paragonabile alla nostra Lega Pro: livello tattico bassino ma c‘è interesse e passione, stadi da 20-30 posti, i ragazzini giocano tutti in strada. Sono proprio euforico: chiaro, dovrò lasciare la famiglia a Bergamo ma tutti mi hanno sostenuto ed incentivato in questa mia scelta. Dal 19 luglio torneremo nel Veneto, faremo la preparazione a Borgo Valsugana poi a Castiglion Fiorentino; amichevoli con Napoli, Atalanta, Cittadella, Bologna, forse Milan."