Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Manildo: "Edificio tra i più pregiati, deve restare della comunità"

PALAZZO SCOTTI NON SI VENDE, MA DOVRÀ ESSERE APERTO

Allo studio una formula pubblico privato come per Ca' dei Ricchi


TREVISO - Palazzo Scotti non si vende, ma verrà aperto alla cittadinanza. A ribadirlo è Giovanni Manildo. Il sindaco sottolinea come l'edificio di via Toniolo sia uno dei pezzi pregiati, per valore architettonico, del patrimonio immobiliare del Comune e dunque Ca' Sugana non ha alcuna intenzione di disfarsene. L'ex sede dell'Apt e dell'assessorato al Turismo tuttavia necessita di alcuni lavori di ristemazione, soprattutto ai piani superiori: non un intervento particolarmente impegnativo, dato che le perizie tecniche non hanno evidenziato problemi di statica, ma comunque troppo rilevante per l'attuale capienza delle casse comunali. Puntando comunque a riaprire il palazzo, l'amministrazione sta studiando una formula pubblico-privato, sulla falsariga dell'accordo messo in atto per Ca' dei Ricchi. Una volta stabilito lo strumento, si definirà quali potranno essere gli effettivi utilizzi. Tra gli obiettivi della giunta, rendere fruibile da tutti l'androne al pian terreno, anche nell'ottica dell'imminente pedonalizzazione di piazza Sant'Andrea e delle vie limitrofe.