Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Omicidio di Villorba: depositato il ricorso al Tribunale del Riesame

VANIA LAZZARATO: "NON C'ENTRO, VOGLIO LA LIBERTÀ"

La donna non era infatti presente al momento del delitto



VILLORBA
– (gp) Un richiesta formale per tornare in libertà perchè non c'entra nulla con l'omicidio di Vito Lombardi. E' la mossa di Vania Lazzarato, che assistita dal suo legale, l'avvocato Andrea Zambon, ha depositato il ricorso presso il Tribunale del Riesame per ottenere la modifica della misura di custodia cautelare in carcere imposta dal gip Umberto Donà in seguito all'interrogatorio di convalida del fermo.

La donna, oltre a essere stata scagionata da Amedeo Bonan, marito nonché indagato e reoconfesso per l'omicidio del 46enne ritrovato cadavere in un canale d'irrigazione a Fontane di Villorba, può contare sugli esiti dell'autopsia che confermano le versioni rese da entrambi gli indagati e che confermano che la donna non era sul luogo del delitto e non avrebbe assistito all'omicidio. L'udienza verrà fissata nei prossimi giorni e per il momento l'ex compagna della vittima rimane rinchiusa nel carcere della Giudecca a Venezia.

Secondo l'avvocato Zambon, che esclude a priori l'aggravante della premeditazione, il reato contestabile alla Lazzarato potrebbe essere al massimo l'omicidio preterintenzionale o addirittura il concorso anomalo nell'omicidio, che sarebbe comunque preterintenzionale e non volontario.