Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Meglio le caserma, ma devono muoversi Ministero e Regione"

"IMPOSSIBILE SISTEMARE I PROFUGHI NELLE PALESTRE"

Il sindaco di Treviso boccia l'ipotesi emersa in prefettura


TREVISO - Impossibile ospitare i profughi nelle palestre delle scuole elementari. Il sindaco di Treviso Giovanni Manildo boccia senza appello l'ipotesi emersa al comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza in previsione dell'arrivo di altri 150 migranti nella Marca. Benchè l'anno scolastico sia concluso, fatto salvo lo svolgimento degli esami, ribadisce il primo cittadino, le palestre sono comunque tuttora utilizzate per grest, centri estivi, corsi sportivi. Ragioni che Manildo aveva già esposto al prefetto nelle scorse settimane. Più praticabile, secondo il sindaco del comune capoluogo, la creazione di un centro di prima accoglienza all'interno di caserme operative, ma spesso e volentieri sottoutilizzate dai militari presenti in numero ridotto rispetto al passato: in questo caso si potrebbe disporre di ambienti già attrezzati, in condizioni di sicurezza e di rispetto degli standard igienici, a differenza di quanto avvenuto in siti dismessi come l'ex caserma Salsa. La faccenda, tuttavia, è di competenza del ministero. Proprio per questo Manildo invoca un maggior coordinamento a livello governativo e regionale, con anche pressioni sull'Unione europea per un politica continentale di gestione degli sbarchi.