Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si parte con la promozione di interventi di risparmio energetico

LAGHETTI, ROTATORIE, UN MOVER: ECCO LA STRADA OVEST DEL FUTURO

Intesa Treviso - Villorba per la riqualificazione del viale


TREVISO - Verde, laghetti, rotatorie, torri luminose, persino un trenino su monorotaia per trasportare i pedoni. La Strada Ovest del futuro è nata ieri: all'auditorium Santa Caterina il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, e quello di La firma dell'intesaVillorba, Marco Serena (le due amministrazione sotto la cui competenza ricadono i cinque chilometri dell'asse viario) hanno firmato un'intesa per coordinare le forze per la riqualificazione di viale della Repubblica. Il primo punto sarà promuovere interventi volti all'efficienza e al risparmio energetico degli edifici residenziali e produttivi (circa 800 le attività frontiste, 1.500 se si conta anche la "seconda fila"), considerando la strada come un unico "condominio orizzontale". Ma si vuole puntare anche su una rinnovata illuminazione pubblica.
Gli uffici del settore Ambiente del Comune di Treviso, guidati da Paolo Pierobon, però, hanno illustrato anche una serie di proposte ben più ambiziose: ad esempio, un "mover", vagoncini per portare le persone da un punto all'altro della strada, come quelli in funzione in alcune grandi città o anche a Venezia da piazzale Roma. Oppure un sistema per raccogliere l'acqua piovana delle sempre più abbondanti pioggie sotto l'asfalto e poi stoccarla in laghetti ai lati della carreggiata: uno ad esempio, potrebbe occupare lo spazio libero accanto alla pizzeria da Pino. Gli incroci potrebbero essere sostituiti da rotonde, per ridurre le code e, di conseguenza, lo smog. Al centro delle rotatorie verrebbero installate torri luminose, con messaggi, o mini centrali fotovoltaiche. Anche i fabbricati dovrebbero subire una riqualificazione, ad esempio creado dei "giardini verticali" sulle facciante, per contrastare il dilavamento, il riverbero del calore, l'assorbimento di CO2. Progetti che, purtroppo, allo stato attuale si scontrano con la penuria di risorse degli enti locali.