Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Bancali di fronte all'ingresso assieme a sacchi di finti soldi

BLITZ DI CASAPOUND AL CEIS DI VITTORIO VENETO

"Business del degrado. Vogliamo la chiusura del centro"



VITTORIO VENETO
- I militanti di CasaPound Italia hanno posizionato dei bancali davanti al Centro CEIS di Vittorio Veneto, in provincia di Treviso. Sopra di essi, sono stati aggiunti dei sacchi di finto denaro contante e uno striscione, recante la scritta "CEIS: business a bancali". Il centro è finito al centro delle polemiche qualche tempo fa a causa della rivolta attuata dai clandestini che ospita, non soddisfatti del trattamento a loro riservato. A seguito delle indagini svolte per questi primi disordini, i Carabinieri nei giorni scorsi si erano recati presso il CEIS per prelevare i responsabili. A quel punto ne è scaturita una seconda rivolta, con addirittura un bancale scagliato sull'automobile di un cittadino di passaggio che si stava recando al lavoro.


"Con questa azione - spiega in una nota CasaPound Veneto - abbiamo voluto denunciare la situazione insostenibile venutasi a creare presso questa struttura, oramai vero e proprio porto franco non più soggetto alla giurisdizione italiana. Episodi come quelli del CEIS di Vittorio Veneto sono intollerabili, con i clandestini oramai autorizzati a compiere ogni tipo d'azione, e uno Stato che ha completamente rinunciato alle sue prerogative. Su tutto ricordiamo che questi centri ricevono sostanziose sovvenzioni pubbliche per questa ospitalità. E quindi non smetteremo mai di denunciare quello che si configura come un vero e proprio business del degrado, che ora sta arrivando a mettere a rischio l'incolumità dei cittadini vittoriesi. Chiediamo quindi l'immediata chiusura del centro, il blocco di ogni tipo di sovvenzione allo stesso e lo stop immediato di ogni ulteriore arrivo di clandestini a Vittorio Veneto".