Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Castelfranco, ogni "pacchetto" costava 250 euro, blitz dei carabinieri

ANNUNCI HOT SUL WEB, IMPRENDITORE NEI GUAI

Le squillo pagavano un informatico 27enne per pubblicarli


CASTELFRANCO - Inseriva su siti internet gestiti da operatori stranieri annunci a sfondo sessuale per conto di quattro prostitute: in cambio riceveva dalle squillo denaro che veniva accreditato sulle sue carte postepay. Un ingegnoso quanto semplice modo per fare "soldi facili" quello architettato da un imprenditore trevigiano di 27 anni che lavora nel settore della gestione dei portali web. A smascherare i suoi traffici sono stati i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Castelfranco. Gli investigatori, al termine delle indagini, hanno denunciato il giovane per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Ogni "pacchetto" costava alle lucciole circa 250 euro che finivano sulle postepay del 27enne. Solo quattro le clienti finora identificate dagli investigatori (quasi tutte squilli che vivono in varie località del nord Italia) ma in realtà questo numero sarebbe ben superiore.