Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Il Prefetto Marrosu: "Qui non possono restare a lungo"

IN STAZIONE UN CENTRO DI ACCOGLIENZA PER PROFUGHI

Venti migranti ospitati, in 22 sono ospitati a Olmi


TREVISO - Sono una ventina i migranti che da oggi sono ospiti del centro di prima accoglienza creato in uno spazio della stazione ferroviaria di Treviso, l'ex negozio "Mondadori", da tempo inutilizzato e aperto solitamente d'inverno per ospitare i senza tetto trevigiani. Una ventina di profughi sono arrivati, a bordo di un pullman, verso le 9 del mattino: sono quasi tutti ghanesi, in Italia da neppure 72 ore. Altri undici stranieri sono arrivati nel pomeriggio ma solo uno è stato ospitato in stazione; per altri dieci sono state trovate soluzioni alternative. A prestare loro soccorso è la Croce Rossa di Treviso che ha trasportato all'interno dell'ex negozio sacchi a pelo, acqua, viveri, brande, sedie, biancheria intima. Nel corso della giornata gli stranieri sono stati trasportati alla Caritas, per una doccia, e poi presso il presidio della "Madonnina"; due tra loro, i più provati, soffrivano di problemi intestinali e di dissenteria e sono stati trasportati presso il Ca' Foncello. Nei prossimi giorni è previsto l'arrivo di ulteriori 50 migranti che per ora saranno sempre dislocati presso la stazione, a meno che non si liberino posti letto nelle varie cooperative e associazioni che hanno assorbito ben 50 dei 130 profughi arrivati con questa nuova ondata. Per il Prefetto Maria Augusta Marrosu si tratta di una situazione temporanea, che potrebbe durare al massimo una decina di giorni.
Ore 9, alla stazione di Treviso arriva il primo pullman di profughi


























L’arrivo a San Biagio di Callalta di un gruppo di migranti, avvenuto nel primo pomeriggio di oggi, è stato al centro di incontri e contatti in questi giorni tra la Caritas, a cui spetta la gestione dell’ospitalità, e il sindaco Alberto Cappelletto. Il gruppo composto da ventidue profughi, tutti identificati, in larga parte di religione cattolica, è ospitato in alcuni locali privati in via Verona 16 a Olmi. “Ho voluto seguire da vicino la vicenda – spiega il Sindaco – per verificare che ci siano tutti i requisiti per un inserimento senza traumi nella nostra comunità e ci siano i presupposti per garantire condizioni di sicurezza dal punto di vista sociale e sanitario. Mi conforta il fatto che i migranti saranno costantemente seguiti da alcuni operatori della Caritas con i quali saremo in continuo contatto al fine di evitare problemi nel periodo in cui gli ospiti rimarranno nel territorio di San Biagio”. Entro domani sarà fornite al Comando di Polizia locale tutta la documentazione personale per poter procedere ai controlli di legge.
La Croce Rossa provvede a portare sacchi a pelo, acqua e sedie