Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dal 24 luglio al 1 agosto il festival di arte e cinema di Revine Lago

IL LAGO FILM FEST TORNA E SPIEGA QUELL'ANNUNCIATO STOP (POI SMENTITO)

Sarà un film perché “Per affrontare un mistero bisogna raccontarlo”


TREVISO - (ag) La voce circola già da qualche settimana, il Lago Film Fest ci sarà anche quest'anno. A conferma di questa bella notizia per i seguaci, nuovi ed affezionati, (l'anno scorso erano 15mila i visitatori del rinomato festival internazionale di arte e cinema di Revine Lago), oggi la presentazione ufficiale dell'undicesima edizione, o meglio dell'edizione “X+1”, prevista dal 24 luglio al primo agosto. Un momento dove si è fatto un po' più di luce oltre che sul ricco programma dell'evento, anche sui retroscena che un anno fa avevano portato l'organizzazione ad annunciarne lo stop.
L'opinione comune tendeva a puntare il dito sulla scarsità di fondi. In effetti, nonostante le sovvenzioni non fossero certo incoraggianti, le ragioni riguardavano invece un incidente avvenuto l'ultimo giorno della rassegna: la caduta in acqua dello schermo più grande, quello che si affaccia sulla riva, e di tutta la attrezzatura di supporto. Un episodio grave, ma risolvibile con l'assicurazione. Pare proprio di no, perché il giorno seguente era tutto sparito dalle acque del lago. Complicando non poco le cose. Una storia dai numerosi chiaroscuri che va ad intrecciarsi ad altri casi di sparizioni e di misteri che nel passato vicino o lontano hanno avuto come sfondo il lago di Revine, spiegano gli organizzatori del Lago Film Fest secondo cui “Per affrontare un mistero bisogna raccontarlo”.
Per questo proprio durante l'ultima sera del festival, sabato 1 agosto, verrà presentato il film documentario “Lago Film Fest”, di cui sono stati realizzati i primi 4 minuti con la spiegazione di questi antefatti, e che verrà girato e completato proprio durante i giorni del festival dai ragazzi di “Zero”.

Venendo ai contenuti del Lago Film Fest, tra le novità un programma che inizia già dal mattino, con i press meeting dalle 11.00 alle 13.00 dove si potranno incontrare e confrontarsi con i registi in competizione e addetti ai lavori, tra cui l'animatore londinese Peter Millard, quest'anno in giuria. Poi i workshop del pomeriggio, tra cui quello dedicato a Blob, che proporrà temi e spunti per realizzare pillole di video di mashup, e le jam session cinematografiche di Kino Kabaret. Mentre la sera proiezioni di cortometraggi, lungometraggi, e di corredo concerti e performance artistiche. Invariato il fulcro dell'evento ossia il cortometraggio, quest'anno in 101 declinazioni, quanti sono i titoli selezionati, provenienti da 20 Paesi. Cinque le sezioni: una competizione Internazionale di trentun corti; una Nazionale di venti, e altrettanti per Nuovi Segni; una sezione Unicef, dedicata all'infanzia, che si allarga a ventitré e un Veneto le cui sette proposte compensano il numero con la personalità. Opere che verranno valutate da una giuria internazionale composta dallo sceneggiatore Alfreddo Covelli, il regista e compositore argentino Sebastian Wesman, l'attrice romena Cosmina Stratan, l'animatore cinematografico Peter Millard, i registi e sceneggiatori italiani Carlani e Dogana.
Non mancheranno le proiezioni speciali, tra cui una retrospettiva di opere dalla Svezia con un focus dedicato a Roy Andersson (Leone d'Oro alla Mostra del Cinema di Venezia 2014).

Il programma completo sul sito lagofest.org