Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Comune formalizza la richiesta della De Dominicis

IN DOGANA TRA ZANZARE E CALDO, GIUNTI 20 PROFUGHI

Nuovo gruppo sarà ospitato a Paderno di Ponzano


TREVISO - In attesa che la Prefettura trovi una sistemazione ai 63 profughi presenti in Dogana (si è parlato nei giorni scorsi di alloggi messi a disposizione da alcuni privati) oggi sono giunti nella Marca altri venti profughi. I migranti, arrivati alle 5 del mattino da Taranto, sono stati trasportati presso la sala parrocchiale di Paderno di Ponzano, messa a disposizione da don Aldo. Nel capannone della Dogana di Treviso, soluzione trovata in extremis venerdì scorso dal Comune per liberare l'ex libreria "Mondadori" della stazione di Treviso, regna intanto il malcontento dei profughi che da tre notti dormono presso la struttura. I migranti, a causa del caldo soffocante, sono costretti a dormire all'esterno del capannone e sono preda delle zanzare che infestano la zona. Uno degli stranieri è stato trasportato presso il pronto soccorso del Ca' Foncello: era svenuto, quasi disidratato, a causa delle temperature torride di queste ore. Alcuni lamentano la scarsità delle porzioni di cibo che la Croce Rossa fornisce loro, altri l'impossibilità di andarsene o la mancanza di denaro per poterlo fare. Quasi tutti denunciano il fatto che sono troppo pochi i due bagni chimici presenti nell'area con una situazione ingienico sanitaria al limite.

Il sindaco di Treviso Giovanni Manildo ha formalizzato questa mattina la richiesta al Ministro dell'Interno per l'utilizzo della caserma De Dominicis come luogo di accoglienza temporanea per i profughi: "Questa Amministrazione comunale ha già da tempo messo nella disponibilità del Prefetto i locali di cui dispone, che, sommati a quelli delle associazioni sociali e religiose riescono a dare risposta solo in minima parte all’afflusso continuo e crescente di arrivi. Tant’è - scrive il sindaco nella lettera - che il Prefetto in questi giorni ne ha dirottato un gran numero presso la Stazione ferroviaria, pressoché in centro città, in un locale commerciale del tutto inidoneo per capienza e servizi igienici, con temperature estive che facevano temere il peggio sia per i profughi che per la popolazione urbana. La situazione era a dir poco indifendibile, sotto tutti i punti di vista". Per evitare che la situazione degenerasse l'amministrazione comunale è intervenuta nella serata di venerdì mettendo a dispozione una parte del complesso della dogana: "Una struttura certamente inadatta e temporanea, una soluzione 'tampone' per evitare che la situazione scoppiasse - sottolinea il sindaco che vede nella caserma di via Lungo Fiume Cerca uno spazio possibile - La comunità che rappresento e questa Amministrazione si stanno chiedendo perché non si riesca a dar risposta a questo gravissimo problema mediante l’uso temporaneo del grande complesso immobiliare dello Stato: si tratta della Caserma De Dominicis, sede del 184° Rgt Sostegno Tlc Cansiglio. Dispone di ben 120mila mq, è dotata di ampi spazi ed è sottoutilizzata: sarebbe sufficiente separarne una parte minima per dare risposta al problema".