Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa per appropriazione indebita un portiere di notte

FA SPARIRE 15 MILA EURO TRA VINO E LIQUORI: CONDANNATO

A smascherarlo la moglie dopo che i due si stavano separando



ODERZO
– (gp) Sfruttando la sua posizione di portiere notturno in un albergo di Oderzo, con annesso ristorante, avrebbe fatto sparire cartoni di liquori e di vino pregiati (320 bottiglie in tutto per un valore di 15 mila euro). Un'operazione che si sarebbe protratta nel tempo proprio per non dare nell'occhio. Condotte che sono costate al 41enne Giuseppe Gavino Pirino, difeso dall'avvocato Mario Nordio, una condanna a sette mesi di reclusione, con sospensione condizionale della pena, per il reato di appropriazione indebita. Il titolare della struttura, nonché datore di lavoro dell'imputato, si era accorto dell'ammanco soltanto il 31 dicembre 2012 quando venne fatto l'inventario per la serata di capodanno. Un ammanco considerevole che il titolare dell'albergo non sapeva a chi imputare. A smascherare il 41enne era stata qualche settimana più tardi la moglie, divenuta ormai ex. In fase di separazione infatti, la donna avrebbe trovato quei cartoni di vino e liquori in casa e avrebbe informato il titolare dell'albergo di quella “strana presenza”. Forse inconsapevolmente, o forse proprio per ripicca, la donna aveva fornito le prove per far scoprire l'ex marito, il quale era stato raggiunto di lì a poco da una denuncia a piede libero per appropriazione indebita.