Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'uomo era stato citato direttamente a giudizio per diffamazione

CRITICHE A LAURA PUPPATO: CECCHINI ASSOLTO CON FORMULA PIENA

Sotto accusa testi ritenuti offensivi e inviati a riviste online e blog



MONTEBELLUNA
– (gp) Francesco Cecchini non ha diffamato Laura Puppato. A stabilirlo è stato il giudice Francesco Sartorio che ha assolto l'imputato, citato a giudizio dopo la querela sporta dalla senatrice del Partito Democratico, perchè il fatto non costituisce reato.

Cecchini (assolto anche dall'art. 660 del codice penale perchè il fatto non sussiste) aveva scelto di essere giudicato con rito abbreviato in quanto, oltre a garantirgli lo sconto di un terzo della pena in caso di condanna, permetteva di celebrare il processo basandosi soltanto sugli elementi di prova contenuti nel fascicolo.

Prove che secondo la difesa, rappresentata dagli avvocati Barbara Baratto Vogliano e Gino Zambianco, sottolieavano non solo come le condotte contestate a Cecchini non risultassero affatto diffamatorie, ma avrebbero fatto emergere l'innocenza dell'uomo. E così è stato.

Secondo la Procura trevigiana gli articoli, solo un paio quelli incriminati, sarebbero invece andati oltre il diritto di critica politica, sconfinando appunto nel reato di diffamazione. Comunicazioni che sarebbero apparse online su riviste e blog e inviate nelle caselle di posta dei segretari del Pd della provincia, di alcuni parlamentari e dei compagni di partito dell'ex primo cittadino.

Stando alle accuse l'uomo avrebbe tacciato Laura Puppato di opportunismo politico, di carrierismo e di aver ottenuto la carica di senatrice come premio da Bersani per essersi candidata alle primarie ed avergli in questo modo consentito di primeggiare su Renzi. Cecchini, una volta ricevuta la querela della senatrice, l'aveva invitata a valutare correttamente la valenza politica della denuncia chiedendole di ritirarla e di confrontarsi con lui sul piano del dibattito politico.