Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, degrado nella zona, commercianti in rivolta

RIVIERA SANTA MARGHERITA, GRIGOLETTO CHIEDE AL PREFETTO UN VERTICE

"Necessario un comitato per l’ordine e la sicurezza"


TREVISO - Sul degrado sempre più grave che interessa la zona di riviera Santa Margherita, il viocesindaco Roberto Grigoletto chiede al Prefetto, Maria Augusta Marrosu, un comitato per l’ordine e la sicurezza. “Ho inviato questa mattina una richiesta ufficiale al Prefetto -dichiara Grigoletto- perché convochi al più presto un comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica con all’ordine del giorno proprio la zona di Riviera Santa Margherita. Siamo stanchi delle condizioni in cui versa la zona e siamo i primi a dire che è necessario un intervento mirato che coinvolga però tutti i soggetti responsabili della sicurezza. Già da qualche mese abbiamo attivato nuovi strumenti di presidio dell’area: la polizia locale effettua i controlli tutti i giorni mattina, pomeriggio e sera, nell’ultimo mese ha identificato una decina di persone, tutte note, e svolto attività di polizia giudiziaria per contrastare l’abuso di alcol e sostanze stupefacenti. I pattuglioni notturni garantiranno inoltre un servizio maggiore proprio nella zona. Inoltre con i residenti abbiamo creato una rete di contatto diretto: tanto che proprio i commercianti che, comprensibilmente, si dicono stufi e allarmati per la situazione ci hanno dato piena disponibilità a lavorare con l’amministrazione ai progetti che intendiamo mettere in campo come il progetto ‘controllo del vicinato’. Capiamo anche la necessità più volte espressa dagli stessi commercianti di avere un presidio fisso che controlli h24 l’area: le forze della sola polizia locale però non bastano. Per questo ho chiesto al Prefetto di convocare al più presto il comitato per riaffermare che la messa in sicurezza di una zona calda come questa è compito di una sinergia tra polizia di stato, carabinieri, polizia locale e di cui il Questore, autorità locale di pubblica sicurezza, deve farsi garante. Certo, l’assenza della provincia di Treviso dall’elenco delle città che riceveranno nuovi agenti stilato dal Ministero non è una buona notizia. Anche per questo crediamo che il Questore debba intervenire rappresentando la necessità di un organico maggiore per la sicurezza cittadina”.