Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il campione di rugby, ex Benetton, era accusato di frode assicurativa

ACCORDO TRA ENRICO PAVANELLO E LA AXA: QUERELA RITIRATA

Il Tribunale di Treviso ha disposto il non luogo a procedere



TREVISO
– (gp) “La vicenda che mi ha coinvolto è stata frutto di errori che ho commesso, dettati in gran parte dalla mia ingenuità, dei quali ho ritenuto di assumermi la piena responsabilità. Per questo motivo ho rivolto le mie scuse ad AXA assicurazioni spa e ho provveduto a rifonderla di tutte le spese sostenute per istruire la pratica e dei danni morali cagionati”.

Parole di Enrico Pavanello, il campione di rugby ed ex nazionale, classe 1980, che ha mosso i primi passi alla Tarvisium, poi al Benetton e nel Marchiol Mogliano, che era stato raggiunto da un decreto penale di condanna da 22.500 per il reato di frode assicurativa. Presentata opposizione con l'avvocato Massimo Benozzati, il procedimento penale si è chiuso di fronte al giudice Francesco Sartorio con un non luogo a procedere per intervenuta remissione di querela da parte della Axa, rappresentata dall'avvocato Aloma Piazza. Tra le parti infatti c'è stato un chiarimento e un accordo economico, che ha permesso a entrambe di chiudere la vicenda senza strascichi giudiziari.

“Si è trattato di un epilogo di buon senso – ha dichiarato l'avvocato Benozzati - che ha consentito di mantenere inalterata l’immagine del mio assistito che ha fatto del senso di responsabilità un punto fermo della propria vita privata e professionale”.

I fatti risalgono a marzo del 2012 quando Pavanello presentò denuncia di sinistro all’agenzia Axa di Selva del Montello dicendo di essersi procurato una distorsione alla caviglia destra mentre effettuava lavori di giardinaggio mettendo il piede in una buca. Ricevuta la denuncia, la compagnia assicurativa come da prassi incaricò un proprio medico legale fiduciario per valutare il danno fisico. N
el corso della visita medica però il rugbista avrebbe dato una diversa versione dell’incidente
dicendo di essere caduto da una scala.

A questo punto venne chiamato in causa dalla Axa il Centro Investigazione Sile di Treviso il quale avrebbe scoperto che Pavanello, in realtà, si sarebbe infortunato durante un allenamento con il Benetton. Motivo per cui la Axa fece scattare la denuncia che portò al decreto penale di condanna.