Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sette mesi, pena sospesa, inflitti a un ventenne pordenonese di Mestre

RUBAVA SOLDI ALLA TITOLARE: PARRUCCHIERE CONDANNATO

Lavorava a Oderzo: arrestato per aver preso 250 euro dalla cassa



ODERZO
– (gp) Sette mesi di reclusione, con sospensione condizionale della pena. Se l'è cavata nel migliore dei modi l'apprendista parrucchiere di 20 anni, domiciliato a Mestre ma di origini pordenonesi, che era stato arrestato in flagranza di reato a metà maggio dopo aver rubato 250 euro dalla cassa del negozio per cui lavorava. A stringergli le manette ai polsi erano stati i carabinieri di Oderzo, ai quali si era rivolta la titolare circa un mese prima. Alla donna era infatti sparito il portafogli con all'interno mille euro mentre si trovava a lavoro. Nel giro di un paio di giorni, il portafogli venne ritrovato a Mestre, anche se del denaro non c'era traccia. I sospetti degli inquirenti si posarono sull'aspirante coiffeur, visto che in passato aveva già avuto guai simili. L'ultimo giorno di apprendistato, a metà maggio appunto, i militari lo stavano attendendo fuori dal negozio e lo hanno fermato per un controllo. Fu a quel punto che il giovane venne scoperto con in tasca 250 euro che aveva appena preso dalla cassa. Per lui scattarono le manette e il processo per direttissima, rinviato dopo che il suo legale, l'avvocato Martina Pinciroli, aver ottenuto la scarcerazione e un termine a difesa. Tornato in aula, il giovane è stato condannato.