Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alessandro Maritan condannato a 2 anni e al pagamento di 815 mila euro di danni

OPERAIO MORTO: GIUDICATO COLPEVOLE IL SUO DATORE DI LAVORO

La vittima era Ruhi Abazi, 47enne macedone residente a Este



RESANA
– (gp) Pesante condanna per il datore di lavoro di Ruhi Abazi, l’operaio macedone 47enne Ruhi Abazi, residente a Este, morto in un infortunio sul lavoro il 25 settembre 2012 a Castelminio di Resana. Alessandro Maritan, proprietario della ditta Eurostruttre di Monselice, è stato infatti giudicato colpevole di omicidio colposo e condannato a due anni di reclusione, 7 mila euro di multa e al pagamento di una provvisionale ai parenti della vittima di 815 mila euro.

I legali di parte civile, gli avvocati Andrea Formenton e Monica Puozzo, avevano presentato una richiesta di risarcimento danni da quasi due milioni di euro. L'intera cifra verrà comunque stabilita in sede civile. Mario Peron, il proprietario dell'allevamento in cui si era consumata la tragedia, aveva già patteggiato in udienza preliminare, nel novembre 2013, una pena di 11 mesi di reclusione ottenendone la sospensione condizionale.

Secondo l'accusa Abazi, insieme al titolare dell’azienda e ad altri colleghi, stava facendo un sopralluogo per la bonifica della copertura in eternit della struttura che, dismessa da tempo, sarebbe dovuta diventare, dopo una ristrutturazione, un allevamento di pollame. Il tetto in amianto si sgretolò e il 47enne precipitò da un’altezza di circa 6 metri. L’operaio, nonostante il volo, si rialzò subito, facendo pensare che nulla di grave fosse accaduto.

Ma i colleghi si resero conto che c’era qualcosa che non andava. Lo fecero salire in auto e partirono a tutta velocità verso l'ospedale di Camposampiero. Ma le condizioni di Abazi, a causa di un’emorragia interna, precipitarono velocemente e morì poco dopo essere giunto in pronto soccorso.