Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nella chiesa di San Vigilio protagonista l'ensemble Dulcis in fundo

VIAGGIO TRA FAMA ED OBLIO DELLA MUSICA VENEZIANA

Grande successo per il 3° Incontro musicale a Col S. Martino


FARRA DI SOLIGO - Un viaggio nella grande musica veneziana, per scoprire grandi maestri e riscoprire alcuni autori (immeritatamente) dimenticati. E' stato ricco di sorprese il terzo appuntamento degli Incontri musicali di luglio alla chiesetta di San Vigilio a Col San Martino. Le armonie dei brani del Settecento veneziano, secolo in cui la città di San Marco era la vera capitale europea della musica, ha trovato un connubio perfetto con l'acustica dell'antico edificio romanico e con la pacificante atmosfera dei vigneti del Prosecco, ammaliando il numeroso pubblico presente. Il concerto, promosso dal Comune di Farra di Soligo e dall'associazione culturale Veneto Uno, con il patrocinio di Regione e Provincia, nell'ambito della rassegna Prosecco Classic Festival, ha avuto come protagonista l'ensemble "Dulcis in fundo". Il gruppo è costituito da giovani professionisti: Olga Bernardi e Fabiano Martignago (flauti dolci), Stefano Sopranzi (fagotto) e Luca Poppi (clavicembalo) e specializzato nel repertorio barocco. Anche gli strumenti utilizzati sono originali del periodo (come il fagotto realizzato a Strasburgo e suonato da Stefano Sopranzi) o copie di originali convervati in vari musei, per far sì che la musica sia ancora più esaltata venendo eseguita con gli strumenti per i quali era stata composta.

L'ensemble ha eseguito una programma che, accanto ad autori tuttora molto considerati da pubblico e critica, come Albinoni e Vivaldi, ha riproposto brani di compositori che col tempo sono stati completamente dimenticati. Ad esempio, Anna Bon, che all’epoca ebbe il prestigioso incarico di virtuosa di musica da camera alla corte di Federico il Grande a Potsdam. O Diogenio Bigaglia che, oltre alle sonate per flauto dolce e basso continuo, compose messe, oratori, salmi, mottetti, cantate sacre e profane e altre opere strumentali. O ancora Ferdinando Gasparo Bertoni, dal 1752 primo organista della Basilica di San Marco e successivamente maestro del coro e insegnante di musica all'Ospedale dei Mendicanti. Il tutto seguendo l'idea di stimolare una riflessione su “Fama” e “Valore Artistico”.  Perchè, hanno spiegato i musicisti, Venezia non sarebbe tale se, oltre a Piazza San Marco, fosse priva dei numerosi, caratteristici, nascosti, piccoli “campielli”.
Il prossimo appuntamento degli Incontri musicali è in programma venerdì 24 luglio, sempre nella chiesa di San Vigilio di Col San Martino, con un concerto di Giuseppe Barutti per violoncello solo.