Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Si chiedono regole per vietare la speculazione sulle materie prime

"SULLA FAME NON SI SPECULA", LA CAMPAGNA PER IL DIRITTO AL CIBO

L'intervista a uno dei promotori, Fabio Pipinato


C’è una finanza-slot machine, che usa il cibo come moneta e che scommette sui prezzi dei beni alimentari. E in questo modo si gioca il futuro di intere famiglie e popolazioni vulnerabili. A denunciarlo, con un video lanciato in rete in occasione di Expo 2015, è “Sulla fame non si specula”. La campagna di sensibilizzazione per il diritto al cibo, sostenuta da diversi enti pubblici (in primis Comune di Milano, Regione Lombardia, Provincia autonoma di Trento) organizzazioni e sigle del terzo settore, ha scelto i linguaggi del fumetto e del teatro per parlare di cibo e finanza, e di un problema che non ha ancora trovato soluzione: la speculazione finanziaria sui beni alimentari. Il video gioca sul duplice significato di “future”: da una parte il futuro di intere famiglie che nei Paesi più vulnerabili è minacciato dalla volatilità dei prezzi del cibo, dall’altra i titoli derivati, i “futures”, che sui mercati finanziari possono essere usati per scommettere sulle fluttuazioni dei beni alimentari.
Ai nostri microfoni è intervenuto Fabio Pipinato, uno dei promotori della campagna “Sulla fame non si specula” che mira a chiedere la regolamentazione dei mercati finanziari e il divieto di speculazione su materie prime come mais, frumento, zucchero, cacao.
Perché la speculazione comporta variazioni estreme nei prezzi (a vantaggio di chi gioca in borsa, non dei produttori) e sempre più difficoltà ad accedere al cibo per le società più povere. Elementi che, associati alla pratica dell’ “accaparramento delle terre” (land grabbing) porteranno a sempre maggiori povertà.

Il video di animazione è stato dagli organizzatori della campagna affidato alla produzione dello Studio Magoga di Mestre, con i disegni di Davide Pascutti, di Udine, e il sound design e le musiche create dalla start-up veneziano-trevigiana di Soundrivemotion.