Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato dalla Squadra Mobile di Treviso a Lanzago di Silea

SPACCIA EROINA A 61 ANNI: FINISCE IN MANETTE

Nascondeva la droga tra gli alberi per non essere scoperto



SILEA
– (gp) Arrestato in flagranza di reato mentre cede due dosi di eroina. A finire dietro le sbarre un 61enne trevigiano, P.S., sorpreso dagli uomini della Squadra Mobile a Lanzago di Silea. Dopo aver ricevuto a fine giugno la segnalazione da parte dei commercianti della zona che sostenevano di aver visto uno strano via vai di tossicodipendenti, gli uomini della questura di Treviso si sono messi all'opera tenendo sotto controllo soprattutto i parchi di Silea. Dopo una serie di appostamenti e indagini mirate, hanno scoperto che l'uomo era spesso in contatto con dei tossicodipendenti, anche da fuori città, e hanno iniziato a seguirlo. Per evitare di essere scoperto, nascondeva le dosi tra gli alberi e non ne aveva mai più di due addosso. L'ultima cessione non è però sfuggita agli agenti che gli hanno stretto le manette ai polsi. Nella successiva perquisizione domiciliare, sono state rinvenute altre 9 buste già pronte per essere vendute.