Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il Consiglio di Stato dà ragione al comune di Castelfranco

RETTE ASSISTENZIALI: ANCHE I FAMILIARI PAGHERANNO

Può richiedere il reddito della famiglia prima erogare denaro


CASTELFRANCO VENETO - Ribaltando una sentenza del TAR del Veneto, il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso presentato dal Comune di Castelfranco Veneto stabilendo che devono essere anche i familiari a sostenere economicamente una persona diversamente abile bisognosa di assistenza sociale. Il ricorso, presentato dagli avvocati Primo Michielan e Luigi Manzi, era stato presentato contro un privato cittadino assistito presso una casa di cura ma bisognoso di integrazione economica della retta assistenziale. Retta che veniva pagata dal comune. Con questa decisione, che farà giurisprudenza in materia, il Consiglio di Stato afferma un principio rivoluzionario. Ogni comune infatti, prima di erogare l’assistenza integrativa a carico di tutti i cittadini, ora potrà legittimamente richiedere il reddito non solo della persona diversamente abile ma anche dei suoi familiari, dai quali l’interessato potrebbe attingere fonti di reddito per pagare la casa di cura o la casa di riposo. In altre parole non si dovrà più fare riferimento al solo reddito del bisognoso di cure assistenziali, come sostenuto dal TAR Veneto nella sentenza di primo grado (da cui nasce il ricorso al Consiglio di Stato), bensì al reddito complessivo dei familiari tenuti agli alimenti. A intentare causa al comune erano stati due fratelli di Castelfranco Veneto che avevano richiesto un'integrazione economica per la retta di ricovero di un parente stretto. Il Consiglio di Stato afferma che è legittima la richiesta del Comune di acquisire la documentazione relativa al reddito dell'assistito e anche dei familiari con la presentazione della dichiarazione ISEE quando viene richiesta l'integrazione finanziaria per la spesa per prestazioni sociosanitarie a favore di disabili gravi o di anziani non autosufficienti.