Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindaco Migliorini "scarse risorse ma vogliamo sistemarlo a breve"

CROLLO PARZIALE DI UN MERLO DELLA ROCCA DI ASOLO

Forse colpito da un fulmine nella notte tra giovedì e venerdì



ASOLO
- Questa mattina, gli addetti alla guardiania della Rocca, all’apertura del sito monumentale, si sono trovati di fronte al crollo parziale di un merlo e alla seria compromissione di ciò che rimane dello stesso.
Con molta probabilità, vista la tipologia della "lesione", l'evento potrebbe essere accaduto durante il recente temporale di giovedì notte, a seguito della caduta di un fulmine.
Dopo un sopralluogo con l'ufficio patrimonio e lavori pubblici, si è deciso di lasciare visitabile il sito, con la sola eccezione dell'area interessata, messa in sicurezza. 
Lunedì, con la sopraintendenza verranno decisi gli interventi da attuare, ma “mi preoccupa la scarsità di risorse economiche a disposizione del Comune - attacca il sindaco di Asolo, Mauro Migliorini - speriamo di riuscire a trovarne di certe e in tempi brevi dagli enti superiori”.

Costruita sulla cima del monte Ricco che sovrasta il centro di Asolo la poderosa struttura a poligono irregolare della Rocca (altezza media di 15 metri e una larghezza di 2.5 metri per i lati nord e ovest, di 3.5 metri per gli altri lati) risale a un periodo compreso tra la metà-fine del XII secolo e gli inizi del XIII.
Nel corso dei secoli è divenuta parte inscindibile della vita cittadina, ancor oggi si ammira quasi guardia e custode del piccolo borgo disteso ai suoi piedi. Dagli spalti della Rocca, oggetto di un importante intervento conservativo nel corso degli anni 80-90, è oggi possibile godere una visione a volo d’uccello ed a giro d’orizzonte: dalla pianura padana a tutto l’arco alpino circostante. Durante le giornate limpide e con condizioni di luce favorevole si intravede chiaramente la laguna di Venezia.
“La Rocca di Asolo non è solo uno dei simboli del Comune - conclude il primo cittadino - ma è un monumento riconosciuto ovunque, identificabile da tutti ed è il più visitato dai turisti che giungono nell'Asolano e Pedemontana”.