Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO In cella autotrasportatore romeno di 35 anni

FERMATO A BERGAMO LO "SCAFISTA" DEI PROFUGHI

Avrebbe abbandonato i clandestini a Cessalto e a Villorba


TREVISO - I carabinieri di Conegliano, Treviso e di Cessalto hanno arrestato un autotrasportatore romeno di 35 anni, D.P., con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Gli inquirenti sospettano sia lo “scafista” che aveva abbandonato decine di profughi, di nazionalità pachistana ed afghana, nelle campagne di Cessalto e Villorba tra giugno e luglio, lungo i tratti autostradale della A4 e A27. I carabinieri intervenuti per prestare soccorso ai profughi, avevano raccolto tracce ed elementi utili riuscendo a individuare che, in entrambi i casi, erano stati fatti scendere da un autotreno con targa rumena che era stato ripreso nei pressi dei luoghi dove erano stati scaricati gli stranieri. Attraverso una prolungata attività investigativa, i militari sono riusciti poi a individuare l’ingresso del camion sul territorio nazionale il 28 luglio 2015, attraverso la frontiera con la Slovenia, si sono messi all’inseguimento del mezzo e sono riusciti a bloccarlo nei pressi l’area di servizio Brembo Nord, lungo l’autostrada A4 Venezia – Torino, in direzione Milano. L'autista aveva appena scaricato, abbandonandoli in una piazzola di sosta a Palmanova, in provincia di Udine, 27 profughi di nazionalità pachistana e afghana. L’uomo è stato posto in stato di fermo di indiziato di delitto per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Ora si trova in carcere a Bergamo in attesa dell’udienza di convalida. Il camion, che è stato sequestrato, è risultato intestato ad una cittadina rumena, titolare di una licenza di trasporto internazionale.


Galleria fotograficaGalleria fotografica