Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Il complice era un 16enne vicino al giostraio Cassol

BANDA DELLE SLOT, IN CELLA ANCHE UN 35ENNE

Giovanni Ferrazzo aveva rapinato il Famila di Oderzo


ODERZO - Arrestato dai carabinieri di Conegliano e Oderzo su ordine firmato dal gip del tribunale di Treviso Bruno Casciarri un 35enne originario di Udine ma residente nell'opitergino, Giovanni Ferrazzo. Si tratta di uno dei componenti della banda di giostrai che era stata sgominata a fine marzo dai carabinieri e che aveva portato dietro le sbarre anche Alan Cassol, il 19enne di Fontanelle figlio del rapinatore ucciso il 3 febbraio dal benzinaio vicentino Graziano Stacchio. Ferrazzo, seppur coinvolto, non venne arrestato all'epoca: alcuni giorni fa gli investigatori dell'Arma sono riusciti ad attribuire al 35enne una rapina messa a segno lo scorso 6 febbraio a Oderzo, al supermercato Famila. Il malvivente agì in compagnia di un 16enne, l'unico minore in manette nell'operazione che aveva decapitato la banda di giostrai dedita a furti e rapine. I due entrarono in azione di buon mattino e fingendosi dei corrieri si fecero aprire le porte del market, travisati e armati di due pistole scacciacani acquistate alcuni giorni prima in un ferramenta. Il colpo fu un mezzo fiasco: nel market erano presenti solo le donne delle pulizia, tra cui una che fu costretta a consegnare ai banditi i 300 euro che teneva in portafogli, ma non i cassieri. Ad incastrare Ferrazzo è stata l'acquisto della scacciacani, il ritrovamento di un passamontagna nella sua abitazione e l'auto utilizzata dal 16enne per accompagnare il 35enne a mettere a segno la rapina.
Il tenente Diego Tanzi, il comandante provinciale Capidivento e il capitano Alessandro Volpini